Recensione e trama di Above the Rim

760
0
Above the Rim

Above the Rim, un film che tratta di amicizia vera, di amore per la famiglia e per lo sport, è la storia di una grande forza di volontà e di un grande coraggio. Questi sono i temi principali e i caratteri più rilevanti.

Il Film

Il film, diretto da Jeff Pollack, è stato co-scritto da Pollack e Barry Michael Cooper, che ha scritto il dramma poetico ed evocativo di Wesley Snipes “Sugar Hill”. In entrambi i film, Cooper mostra un forte interesse per l’unione della famiglia, e come questa giochi un ruolo fondamentale nella vita.

Il film si incentra principalmente sulla vita di Kyle Watson, un giovane e talentuoso giocatore della squadra di basket del suo liceo, che è in attesa di una risposta da parte della George Town University per poter frequentare quell’ateneo.

Kyle sogna in grande, sogna di giocare nell’NBA, sogna una vita incentrata sul mondo del basket. Durante il suo percorso si troverà a dover fare una scelta per il suo futuro: quella tra il bene e il male.

Tra i  vari personaggi  che vogliono aiutare Kyle a fare la scelta giusta, spiccano la madre (interpretata da Tonya Pinkins) e Shep, che appunto tentano di guidare il ragazzo lungo la strada del college, cercando di convincerlo a mettere da parte quel sogno che sembra impossibile da realizzare: giocare nell’NBA.

Di contro invece, troviamo Birdie (interpretato da Tupac Shakur), il quale cerca di sedurre il ragazzo con regali e donne, attirandolo nella squadra e nei suoi sporchi giochi, composti da brutali tornei di pick-up. Birdie è infatti uno spacciatore di droga e un ex stella del basket.

Gli attori

Ma la parte migliore del film sembrano essere proprio gli attori. Martin, che interpreta il ruolo del piccolo Kyle, è una scoperta: durante le riprese, come potrete vedere nelle scene, si lascia travolgere dalle emozioni, diventando un tutt’uno con il suo personaggio, riuscendo così  a fare cadere il velo nascosto che divide la realtà dalla recitazione. Shakur, interpreta bene il suo ruolo di antagonista. Creando in Birdie un ritratto scintillante e perfetto, in ogni sua forma di malvagità,  riesce a rubare  la scena a tutti.

Il film culmina con il grande gioco Shot- Out e una violenta sorpresa del tutto inaspettata. Ciò che hanno voluto insegnarci Pollack e Cooper, oltre al fatto che la droga  circola ovunque e soprattutto dove vi sono soldi, è che i sogni appartengono solo ai bambini, mentre agli adulti non è permesso sognare.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here