Leggi tutti i contenuti

In un articolo del 26 Luglio del 2018 ho introdotto il concetto di visualizzazione come strumento di miglioramento della performance ed ora, in questo momento dove non è possibile frequentare palestre, voglio analizzare più in dettaglio questo potente strumento di allenamento mentale.

Cosa si intende per “Visualizzazione”

Col termine “visualizzazione” si intende un processo cognitivo nel quale l’atleta immagina di compiere un movimento, vivere una situazione di allenamento o di gara senza eseguirlo direttamente.
L’atleta può immaginarsi in prima persona o come se guardasse se stesso in un filmato mentre esegue un qualunque gesto tecnico.

In questi giorni che non possiamo allenarci regolarmente può essere utile visionare un filmato di qualche atleta importante e provare a ripeterlo visualizzando.

Il primo classico esempio di visualizzazione è quello del limone e chiunque può provarlo. Provate a immaginare un limone, immaginate di tagliarlo e di assaggiarlo..immediatamente sentirete una sensazione di aspro in bocca!

Come fare allenamento con la visualizzazione

Ecco alcuni passi per iniziare da soli una corretta visualizzazione:

  • Scegliete un posto tranquillo, silenzioso, dove non siete disturbati
  • Iniziate a respirare con tranquillità e con gli occhi chiusi
  • Provate a creare una immagine piacevole per voi
  • All’inizio va bene anche una immagine non sportiva, sia che l’abbiate già vissuta, sia che vorreste vivere (una vacanza, un incontro piacevole, un momento di gioia…)
  • Se arrivano altri pensieri provate a lasciarli andare e soprattutto non preoccupatevi se l’immagine se ne va…ritornerà in breve. Eventualmente focalizzatevi sul respiro semplicemente notando ogni vostra inspirazione ed espirazione
  • Mentre state visualizzando (in prima persona o da spettatore) mettete in moto i 5 sensi immaginando lo spazio dove si svolge la scena, percependo gli odori, ascoltando i rumori, i suoni e, se visualizzate una gara, immaginate il pubblico, i compagni, gli avversari, la panchina con il vostro allenatore, la gioia dopo un canestro realizzato…
  • Dopo alcune volte che visualizzate provate ad amplificare nella vostra mente tutte queste sensazioni e guardate l’effetto!
  • Se siete soli col vostro pallone e pensate di eseguire un gesto tecnico (un palleggio, un tiro o qualunque altro gesto) focalizzatevi sulle vostre mani, sui vostri piedi e analizzate ogni singolo particolare e ripetete molte volte l’azione come fareste in allenamento
  • Alla fine regalatevi una immagine positiva e piacevole mentre rientrate virtualmente nello spogliatoio e vi apprestate a fare la doccia
  • Se la vostra sessione non vi ha soddisfatto, lasciate andare e riprovate!!

Vi auguro un buon allenamento.. e fatemi sapere come è andata!!

Articolo precedentePallacanestro Reggiana: la lettera di Patron Stefano Landi
Articolo successivoEmergenza Covid: rinviata la IV.a edizione dello Streetball Livorno
Paolo Petruzzelli Allenatore nazionale di basket Pedagogista sportivo Master in PNL (Programmazione Neuro-Linguistica) Professional Counselor nella relazione d'aiuto Da oltre 10 anni, dopo una lunga carriera da allenatore, mi occupo di formazione e coaching sportivo, collaborando con squadre di basket, volley, calcio e con la federazione provinciale di Pisa di volley. organizzando corsi di perfezionamento per allenatori dirigenti e genitori. Svolgo inoltre sessioni di coaching personalizzate per atleti di sport individuali. Insieme al trainer di Programmazione Neuro-Linguistica Carlo Raffaelli tengo il corso "Coaching della Performance-Allenamento mentale per lo sport" tel. 338 83 55 726 mail: flipperdiegisto@libero.it

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here