Costruito per la Panyaden International School, questo palazzetto dello sport di 782 metri quadrati, visto dall’esterno, assomiglia un po’ ad un guscio di tartaruga, ma il vero capolavoro si presenta all’interno con una struttura fatta completamente in bambù.

Un palazzetto dello sport ecosostenibile

Commissionato dalla scuola internazionale di Panyaden, un’istituzione internazionale bilingue situata nella provincia del Chiang Mai in Thailandia, il progetto è stato realizzato dalla Chiangmai Life Architects (CLA), con tralicci di bambù prefabbricati. Questo studio thailandese ha dimostrato le straordinarie qualità di questo materiale naturale, economico e sostenibile.

Lo spazio è interamente realizzato con bambù prefabbricato e si ispira al fiore di loto, un simbolo culturalmente rilevante nella comunità thailandese e buddista. La palestra può contenere comodamente circa 300 studenti ed è stata progettata con balconi rialzati per i genitori e altri ospiti che desiderano venire a vedere le attività. Basket e futsal (calcio indoor giocato su una superficie dura) sono gli sport principali che la sala ospita, tuttavia, lo spazio può essere utilizzato anche per pallavolo, badminton e altri sport che possono essere giocati all’interno di questo palazzetto. Un tetto a triplo strato con curve organiche fluenti crea una ventilazione naturale e fa sì che la luce illumini l’interno senza far entrare direttamente i raggi del sole che riscalderebbero lo spazio.

L’ampia struttura polifunzionale è stata costruita per resistere alle forze naturali locali, compresi i venti ad alta velocità e i terremoti, e vanta emissioni di carbonio pari a zero. Questa straordinaria combinazione di ingegneria, design e funzionalità ha impressionato anche i più sofisticati designer italiani. L’approccio alla novità nell’uso di tralicci di bambù prefabbricati, che sono allo stesso tempo una festa per gli occhi, rende questo progetto un buon esempio di dove può arrivare l’architettura moderna.

Articolo precedenteA2F: la Medoc resiste metà gara. Sorride la Magnolia a Forlì 48-68
Articolo successivoMercato: LaToya Sanders è una giocatrice dell’Umana Reyer Venezia
Web editor e copywriter freelance

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here