Leggi tutti i contenuti

La Virtus Bologna torna al successo dopo due tentativi, entrambi in trasferta, andati a vuoto, battendo, in una partita in bilico fino alla sirena finale, il Partizan Belgrado del “guru” Obradovic. Due punti di platino, quelli messi in cascina dai felsinei, utili per rimanere da soli al terzo posto, grazie ai contemporanei stop di Panathinaikos, a Kaunas, e Fenerbahce, nel principato di Monaco.

Alla “Segafredo Arena” Il confronto è equilibrato fin dalla palla a due iniziale, come ben raccontato dal 19-19 del primo periodo, dopo che i serbi avevano accumulato anche quattro lunghezze di vantaggio, sul 14-10. In avvio di secondo quarto la Virtus arriva a +5, ma il Partizan non molla e tiene botta, andando all’intervallo lungo sotto di quattro lunghezze. Al rientro dagli spogliatoi la Virtus aumenta i giri del proprio motore e, con un Belinelli in formato deluxe, allunga fino al +12, sul 56-44.

Sembra il lasciapassare verso una vittoria agevole, ed invece il Partizan, preso per mano dall’ex Olimpia Milano Punter, si riavvicina fino al -4 dell’ultimo intervallo. Nel quarto periodo la squadra di Obradovic prende in mano il punteggio e, a meno di 5’ dalla sirena, vanta sei lunghezze di vantaggio, costringendo Banchi ad un time-out. Il minuto sortisce gli effetti sperati e, in una vera e propria bolgia, la Virtus la spunta, come spesso accaduto in questa stagione, nella volata finale, presa per mano da un grande Lundberg, alla fine autore di ben 20 punti, con Belinelli che segna i due liberi della staffa. Proprio Lundberg e Belinelli sono i grandi protagonisti di serata, con 20 punti a testa. “Iffe” tira con 8/10 dal campo, “Beli” segna ben 5 triple, stats che certificano la gran prova dei due virtussini.

Virtus Segafredo Bologna – Partizan Belgrado 88-84

Parziali: 19-19; 35-31; 62-58; 88-84

Virtus Bologna: Cordinier 12, Lundberg 20, Belinelli 20, Pajola 3, Dobric, Shengelia 8, Hackett 7, Mickey 4, Polonara ne, Zizic ne, Dunston 7, Abass 7. All. Banchi
Partizan Belgrado: Smith 6, LeDay, Avramovic 16, Koprivica 4, Punter 22, Smailagic 6, Nunnally 18, Andjusic ne, Dozier Jr. 10, Ponitka, Kaminsky 2, Caboclo. All. Obardovic

Ennesima grande occasione sprecata per la EA7 Emporio Armani Milano, stavolta nella lunga trasferta ad Istanbul, ospite dell’Efes. I lombardi fanno come quella mucca che prende a calci il secchio di latte già munto pagando dazio ai turchi con un terrificante terzo quarto, nel quale incassano un parziale incredibile di 30-7 che di fatto costringe Messina alla resa. Peccato, perché l’Olimpia si era approcciata benissimo alla partita, al di là di qualche errore di troppo in attacco, resistendo ai tentativi di spallata dell’Efes, per poi chiudere i primi 10’ in perfetta parità sul 15-15.

Nel secondo periodo, presa per mano da McGruder, Milano allunga, prendendo 13 lunghezze di margine per poi chiudere la prima metà di partita sul 43-34. Sembra l’inizio di una cavalcata trionfale ed invece al rientro dagli spogliatoi Milano sparisce dal campo ed incassa nei primi sei minuti un parziale di 16-2 che regala il vantaggio all’Efes; e siccome al peggio non c’è mai fine la compagine di Mijatovic, alla prima da head coach dopo una vita da assistente, continua a dominare in lungo ed in largo, tanta che il parziale del terzo periodo è un incredibile 30-7 per i turchi, avanti di 14 a 10’ dalla fine.

Quando sembra tutto finito, Milano ha uno scatto di orgoglio, torna a difendere forte e, con un parziale di 15-2, impatta a quota 71, a 3’24” dalla sirena finale. L’inerzia sembra tutta per Messina ed invece, due triple di Clyburn siglano il nuovo allungo dell’Efes, alla fine vincente per 79-73. Tra i singoli, buona partita di McGruder, 16 punti in 21’ con 4/5 nelle triple, Shields, 17, ma con 6/14 dal campo, e Voigtmann, anche lui autore di 16 punti. Con questa sconfitta, Milano vede sempre più allontanarsi l’obiettivo Play In, adesso distante ben tre partite, e la prossima settimana c’è la terribile sfida con la capolista Real Madrid.

Anadolu Efes Istanbul – EA7 Emporio Armani Milano 79-73

Parziali: 15-15; 34-43; 64-50; 70-75

Efes: Larkin 19, Gazi, Clyburn 8, Pleiss 17, Willis 9; Beaubois 4, Bryant 9, Thompson 9, Jones 4. N.e.: Osmani, Yildizli, Oncel. All.: Mijatovic.
Milano: Melli 2, Napier 7, Hall 2, Shields 17, Voigtmann 16; Lo 2, McGruder 16, Poythress, Tonut 3, Mirotic 6, Hines 2. N.e.: Flaccadori. All.: Messina.

Photocredits: Savino Paolella

Articolo precedenteCoppe Europee: solo sconfitte per le nostre rappresentanti. Milano e Bologna stasera di nuovo in campo
Articolo successivoBrescia rullo compressore. Vola la Virtus a Treviso. Cade Venezia a Reggio Emilia. Sale Milano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here