In un luogo dove una decina di anni fa, sul basket, si è fatta prima la storia con Il Trofeo Lido delle Rose  e poi letteratura, lo sport della pallacanestro non poteva che trasformarsi anche in arte nella città di Roseto degli Abruzzi. Stiamo parlando di un campo da basket all’aperto a fianco del Lido La Paranzella dove l’artista Bruno Cerasi l’ha trasformato in un vero capolavoro: il “Light Court”.

Come nasce il Light Court

Il Campo della Luce è nato quasi come un gioco per l’artista Bruno Cerasi, che durante un’intervista pubblicata sul sito Roseto.com ha affermato: “È un intervento nato quasi per gioco. Si chiacchierava un po’ sui social ed è venuta fuori quest’idea, che all’inizio sembrava un po’ folle, ma poi si è concretizzata”. Ogni hanno, al Lido La Paranzella viene organizzato un importante torneo di basket 3vs3 con il Memorial di Ernesto Di Bartolomeo (un ragazzo morto il 24 aprile del 2009 a soli 25 anni in un tragico incidente) e, per questo motivo, Cerasi ha sentito di voler contribuire a creare qualcosa che rimanesse alla collettività.

Così è nato il Light Court, un campo in cui l’artista ha fatto in modo che fosse particolarmente illuminato sia di giorno che di notte utilizzando quattro tonalità di giallo e quattro di blu che lo rendono quasi fluorescente.

Questo campo della palla a spicchi, così trasformato, ha ottenuto molti apprezzamenti, compresi gli addetti ai lavori e ai partecipanti del Torneo, che hanno una motivazione in più per far bella figura in una manifestazione dedicata a “Ernestone”,  un personaggio ricordato per il suo grande amore per la collettività e che tendeva a dare sempre il meglio di se stesso.

Per questo motivo, ogni anno viene omaggiato un ragazzo impossibile da dimenticare da ci ha avuto il piacere di incontrarlo,  attraverso lo sport da lui più amato, il basket.

Articolo precedenteCoach Wooden and me, 50 anni di amicizia dentro e fuori dal campo
Articolo successivoArriva a Milano il primo Store NBA in Europa
Web editor e copywriter freelance

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here