“Once Brothers”, l’amicizia tra Divac e Petrovic raccontata in un film

1188
1
once brothers

Drazen Petrovic e Vlade Divac erano due amici che sono cresciuti insieme condividendo il comune legame del basket. Insieme, hanno sollevato la squadra nazionale jugoslava a vette inimmaginabili. Dopo aver conquistato l’Europa, entrambi sono andati in America dove sono diventati i primi due giocatori stranieri a giocare alla NBA.

La fine di un’era

Ma con la caduta dell’Unione Sovietica nel giorno di Natale del 1991, la Jugoslavia si divise. Scoppiò una guerra tra la Croazia di Petrovic e la Serbia di Divac. Le lunghe tensioni etniche sepolte sono emerse. E questi due uomini, una volta fratelli, erano ora ai lati opposti di una guerra civile mortale. Mentre Petrovic e Divac continuavano a confrontarsi sui campi da basket della NBA, nessuna parola venne mai più scambiata tra i due. Poi, nella fatidica notte del 7 giugno 1993, Drazen Petrovic morì in un incidente automobilistico.

La vittoria nel Campionato del Mondo del 1990 ha rappresentato un ultimo evviva per la squadra nazionale jugoslava, che aveva dominato lo sport con una medaglia d’oro olimpica, tre titoli mondiali e cinque vittorie nel campionato europeo. La morte di Petrovic poco dopo segnò la fine di un’era.

Le dichiarazioni di Vlade Divac

Da giovane giocatore di basket cresciuto in Jugoslavia, non ci è voluto molto per capire che avevo la possibilità di far parte di qualcosa di speciale. Avevo 18 anni quando ho firmato il mio primo contratto professionistico e sono stato chiamato a giocare per la mia squadra nazionale.

Verso la fine degli anni ’80, una nuova generazione di talenti jugoslavi si era riunita e, alla fine saremmo arrivati ​​tutti alla NBA – io, Toni Kukoc, Dino Radja e il grande Drazen Petrovic. Insieme abbiamo vinto la medaglia d’argento alle Olimpiadi del 1988, seguite dalle prime classifiche ai campionati europei e mondiali … sembrava che nessuno potesse fermarci.

Oltre a formare una grande combinazione in campo, Drazen e io condividemmo anche una forte amicizia. Pensavamo di giocare per sempre, ma forze potenti al di fuori del nostro controllo, politiche e personali, ci hanno impedito di realizzare alcuni dei nostri sogni. Questo è il mio viaggio per capire un profondo senso di perdita – della mia squadra, del nostro futuro condiviso e delle persone che un tempo consideravo i miei fratelli.

Questo documentario è un’altra prova che la politica e la guerra sono in grado di distruggere le cose più preziose, e in questo caso particolare, l’amicizia e una delle più grandi squadre di basket di tutti i tempi.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here