Al PalaEstra di Siena, pur mantenendo ancora la prima posizione in classifica, la Virtus è costretta ad arrendersi anche con la ON Sharing per 79-74, nell’undicesima giornata di campionato di Serie A2 Old Wild West (girone Ovest).

Il match inizia subito con un punteggio equilibrato, nonostante entrambe le squadre commettano diversi errori dal campo, la Virtus riesce a mantenersi avanti sulla squadra di casa per metà del primo quarto (5’, 5-8). La ON Sharing, approfittando del momento no della Virtus, cerca di allungare il distacco fino a portarsi sul +7 (16-9) ma, l’ex di turno, Daniele Sandri si carica la squadra sulle spalle riportandola al -1. Il quarto si chiude sul 19-15.

Nel secondo quarto i 6 punti consecutivi di Landi consentono alla Virtus il pareggio (21-21), la partita inizia a prendere il ritmo nelle due metà campo e le squadre cercano di indirizzare la partita verso un’unica favorita. La Mens Sana si porta di nuovo sul +7, mantenendosi in vantaggio per tutto il resto del tempo e chiudendolo sul 40-33.

Dopo 3’ minuti dall’inizio del secondo tempo, a sbloccare il punteggio è capitan Chessa, seguito dai 4 punti di Sims permettendo così alla Virtus il recupero dei 7 punti di svantaggio con cui avevano chiuso il primo tempo. Nonostante i diversi tentativi di recupero da parte della Virtus, la squadra toscana riesce a rimanere padrona del punteggio fino alla fine del tempo (56-53).

Nell’ultimo quarto, con una tripla di Baldasso, la Virtus si ritrova in parità (59-59) ed ha la possibilità di girare la partita verso una nuova direzione. A metà quarto però, subisce un parziale di 10-0 e la gara si ritrova ancora una volta nelle mani della ON Sharing che si porta avanti sul +6 a 1’ dalla fine. La partita finisce sul punteggio di 79-74.

Il commento di coach Piero Bucchi al termine del match: «È stata una partita dura e spigolosa come avevamo previsto, siamo arrivati a +1 a qualche minuto dalla fine ed era in quel momento che avremmo dovuto essere più cinici. Il campionato, vedendo anche gli altri risultati, è molto equilibrato e Siena è una buona squadra, sappiamo bene che in ogni partita c’è da soffrire e, ovviamente, nessuna sarà semplice. Siena, a differenza nostra, ha messo canestri importanti, nonostante la mia squadra abbia giocato una partita di grande generosità ed energia».

Ufficio Stampa Virtus Roma

Articolo precedenteAdriatica Industriale, una difesa che vale due punti: PSE espugnata 60-67
Articolo successivoPassalacqua Ragusa: Vittoria a Torino e quarto posto solitario

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here