Il coro Urania non stecca, Wildcats corsari a Cremona

126
0

Trasferta vincente a Cremona per l’Urania che passa in casa della Juvi (68-79) con un’ottima prova collettiva, cinque uomini in doppia cifra per i milanesi. Dopo una partenza a rilento reagisce la Super Flavor con Negri (13 punti) protagonista che tiene a contatto la truppa di coach Locati. Il break decisivo nel terzo periodo griffato da Paleari (14 con 8 falli subiti) e Santolamazza. Una difesa extralusso, un Piunti (18 con 9 rimbalzi) sempre letale in area colorata ed uno Scanzi dal rientro tutta sostanza gli ingredienti della fuga finale dei Wildcats.

Non brilla l’Urania in avvio, il primo canestro della sfida è di Piunti ma resta l’unico acuto dei milanesi colpiti dalla tripla frontale Esposito e dalla schiacciata di Valenti, 7-2. Coach Locati da subito spazio a Santolamazza per dare migliori spaziature all’attacco Wildcats. Non si alzano le percentuali ospiti che faticano a trovare la via del canestro, Belloni in penetrazione sigilla il più 9 cremonese, 11-2. Prova a mettersi in partita Simoncelli, l’ex play di Omegna regala anche l’assist a Paleari che il capitano converte nel mini break Super Flavor, 11-6.

Più reattiva ed efficace l’Urania che continua la rimonta, due botti filati di un Negri subito rovente decretano il sorpasso, 11-12. Sale sino a più 5 il margine milanese alla fine del primo quarto frutto di un buzzer beater, da tre, di Santolamazza, 14-19. Ndiaye è il motore dell’attacco di Cremona, una tripla dall’angolo di Manini regala il meno 2 alla Ferraroni, 19-21. L’Urania si aggrappa a Piunti ma Cremona trova anche una tripla fortunosa con Veronesi, di Ndiaye il sorpasso, 24-23. Funziona tutto ora in casa Juvi con Vacchelli che dilata il vantaggio dei padroni di casa, il rientrante Scanzi ricuce per la Super Flavor, 30-29. Riprende ritmo l’attacco milanese nonostante una Cremona che continua ad essere pressoché perfetta, capitan Paleari per la parità a quota 36. “Rambo” Scanzi e Piunti rispondono a Valenti e compagni che restano avanti grazie all’ennesima bomba degli esterni, il buzzer beater di Belloni sigla il 45-43 all’intervallo.

Dopo la pausa lunga prosegue la ricerca esasperata del tiro perimetrale per la Juvi, Milano c’è e torna a mettere il naso avanti sorretta da Piunti, 47-49. Momento forse fondamentale della gara, Cremona sembra più reattiva sulle palle vaganti, Esposito con l’ennesima tripla per il nuovo più 3, 55-52. Lo stesso Esposito incappa nella quarta penalità irretito dall’esperienza di Paleari, l’asse tra il capitano e Santolamazza è palati fini, la Super Flavor mette la freccia, 55-62 alla penultima sirena.

Nonostante un Toffali dalle polveri bagnate Milano si issa sino al più 8 con il siluro di Eliantonio, 57-65. Si innervosisce Cremona che paga la tensione con il tecnico a coach Brotto, prove tecniche di fuga per i Wildcats 59-68. Spreca un paio di possessi fondamentali per scappare la truppa di coach Locati, non manca orgoglio alla Juvi, ancora Valenti per l’appoggio del meno 5, 63-68. Aumenta l’intensità della gara, Negri mette un canestro fondamentale dall’angolo, Eliantonio sigla il primo vantaggio in doppia cifra per gli ospiti, 63-73. E’ la difesa Super Flavor a fare la differenza, Valenti carica a testa bassa ma va a sbattere contro il muro Urania, Scanzi spara il più 12, 63-75. Allunga la pressione difensiva Cremona ma Milano non trema, Santolamazza gela il pallone nei possessi finali, Eliantonio manda i titoli di coda, 65-79.

Tabellini

Ufficio Stampa Urania Basket Milano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here