La Elcos Broni vince il derby contro il Geas. Che partita emozionante al PalaBrera.

Partenza con le due difese sugli scudi, Broni non riesce a trovare le giuste penetrazioni sotto canestro, dove viene ingabbiata. Sul 3-8 coach Fontana chiama il tempo e al rientro in campo le biancoverdi sono trasformate. Si apre la scatola delle rossonere sotto il tabellone, dove un paio di belle combinazioni Wojta-Milic e Premasunac-Milic portano la pivot serba a mettere nella retina.

La squadra di casa inizia a macinare gioco, anche se le milanesi non mollano di un centimetro. Si continua a fare a sportellate, perché la difesa della formazione di coach Zanotti è sempre molto aggressiva, come si era già visto nell’amichevole di Crema. Il primo quarto si chiude con la Elcos avanti di quattro lunghezze (14-10), ma in avvio di secondo parziale la difesa oltrepadana inizia a fare quadrato sul perimetro, costringendo Geas a perdere tre palloni, che si tramutano in altrettante transizioni che però non sono sfruttare a dovere con alcune conclusioni ben costruite, ma sfortunate. Ci pensa Anna Togliani con la bomba del 24-15 a sbloccare una situazione di stallo, che perdurava da un paio di minuti.

Nel finale di quarto succede di tutto. Milic soffre tantissimo l’aggressività e quando mancano 3 minuti alla fine del primo tempo c’è uno scontro di gioco, che vede coinvolta la serba e Williams: le due se le danno di santa ragione, entrambe espulse dal campo. Il PalaBrera diventa una bolgia infernale. Broni accusa il colpo, poi Spreafico cade a terra sotto canestro, toccata alla tempia in un contatto di gioco: viene portata in barella negli spogliatoi (-1’49” alla fine del primo tempo). Nel secondo tempo, coach Fontana deve reinventare la squadra con fuori due pedine fondamentali.

Il quintetto piccolo, con le due lunghe Gatti e Castello, alternate a Premasunac; il doppio play Moroni-Bonasia: continua a cambiare il tecnico bronese per non dare punti di riferimento. Però la partita rimane sempre in bilico, perché Geas sfrutta le conclusioni dalla distanza e qualche penetrazione sotto le plance (49-40 al 30’). Nel periodo conclusivo si continua a lottare strenuanamente.

Wojta piazza due canestri morbidi-morbidi, Broni però continua a soffrire in difesa, perché Geas parte spesso in contropiede e trova soluzioni facili, o costringe la Elcos al fallo. La bomba di Galbiati e il suo tiro in sospensione riapre la contesa (57-55) a 1 e 32 dalla sirena. Arriviamo alla fase decisiva del match: Togliani è glaciale dalla lunetta, poi segnano Wojta e Nicolodi. Moroni segna un solo libero (62-55) a 18 secondi dalla sirena. Time out Zanotti, rimessa in attacco Geas, Galbiati spara da tre ma non trova il ferro, fallo su Wojta che segna dalla lunetta. Il derby è di Broni!

ELCOS BRONI – ALLIANZ GEAS 64-57

Articolo precedenteNBA 2018/19: che l’avventura abbia inizio
Articolo successivoA2: La Zeus lotta fino all’over-time ma non basta. A Siena termina 87-84

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here