Un terzo di campionato alle spalle, almeno per quanto riguarda la regular season, quindi materiale sufficiente per tracciare i primi bilanci, le prime vere impressioni del campionato di Serie A2 Femminile. Sono 32 le squadre che si danno battaglia tra la speranza di accedere ai play-off (le prime otto dei due gironi) e la paura di finire invischiate nei play-out (le ultime sei di ogni girone).

GIRONE NORD Nel girone Nord Costa Masnaga guarda tutti dall’alto della classifica con i suoi 18 punti, arrivati grazie a nove vittorie in dieci partite. Le lombarde dopo il successo per 64-49 con Ponzano possono vantare il primato solitario del loro girone, dato che Villafranca è caduta contro Moncalieri per 60-55 ed ha lasciato via libera alle rivali che così si sono prese la testa della classifica. Moncalieri che aggancia proprio Villafranca a quota 16, gli stessi punti pure per Crema, che ha battuto di sei punti fuori casa (42-48) Ponte Case d’Aste Milano. Attenzione però, perchè le “Pantere” del Costa Masnaga vantano una partita in più delle tre inseguitrici, che potenzialmente potrebbero avere gli stessi punti della prima in classifica, in attesa di “mettersi in pari” con il numero di partite delle rivali con i recuperi della 8.a giornata di campionato che si concluderanno in questa finestra infrasettimanale tra mercoledì 5 (Moncalieri ospiterà Castelnuovo mentre Crema ospiterà Villafranca e giovedi 6 (chiusura con Albino che ospiterà Vicenza).

Ora sguardo rivolto alla prossima giornata, quando sabato 9 dicembre alle 18 Moncalieri farà visita a Crema, in una sfida d’alta classifica, mentre la capolista Costa Masnaga farà tappa a Varese. Per quanto riguarda le “pantere” brianzole di coach Gabriele Pirola, ricordiamo che il primato è arrivato grazie ad una striscia di sei successi consecutivi ad inizio campionato, con le lombarde cadute solo alla settima giornata nel match casalingo contro Udine, terminato 60-64 per le friulane. La risposta a quella sconfitta però è stata immediata, tanto che la capolista ha subito ripreso a marciare (la prima partita dopo il ko con Udine è terminata 57-80 sul campo di Marghera) e con Ponzano è arrivato il terzo trionfo di fila, con la prossima partita con Varese che non sembra assolutamente niente di proibitivo. Tornando al campionato, quinto posto solitario a quota 14 per Castelnuovo Scrivia, dopo la quale arrivano Udine, Bolzano e Marghera, tutte quante a quota 10. A fondo classifica con 2 punti ci sono invece Varese e Fassi Albino, sebbene quest’ultima abbia giocato un match in meno. Davanti a loro Bolzano, con 4 punti e dieci partite giocate.

GIRONE SUD Nell’altro girone invece ha di che sorridere la Magnolia Campobasso, in testa a punteggio pieno (nove vittorie su nove) nonostante una partita in meno della diretta inseguitrice, Faenza, che finora ha raccolto 16 punti in dieci sfide. Campobasso nel fine settimana è rimasta inattiva per l’annullamento del match contro Civitanova Marche (scelta di buon senso dovuto ad un incidente stradale che ha coinvolto le giocatrici del Civitanova di ritorno dalla precedente trasferta di La Spezia), mentre Faenza ha fatto quello che doveva fare vincendo 78-57 contro Elite Roma. Insieme a Faenza a quota 16 troviamo Andros Palermo, nel fine settimana uscita vincente dalla sfida a La Spezia, ma che vanta una partita in più rispetto alle faentine e ben due in più rispetto alla capolista Campobasso. A tiro di sorpasso sul Palermo ci sarebbe proprio la Cestistica Spezzina, a quota 14 punti dopo nove partite, che come detto ha perso in casa con le siciliane nell’ultima partita. A quota 14 ci sono anche Bologna e San Giovanni V., entrambe con dieci partite giocate.

Rimanendo nella parte alta della classifica, c’è da dire che Campobasso al momento pare in assoluto controllo della situazione, come evidenzia la superiorità mostrata in questo primo terzo di campionato. Le molisane hanno vinto quasi sempre in scioltezza e poche volte sono state messe in difficoltà; da ricordare il bellissimo match contro Faenza, terminato 95-90 nel nono turno di campionato per Magnolia, che è stato un po’ l’emblema di questo inizio di stagione da favola da parte delle ragazze di Mimmo Sabatelli, che finora hanno messo dentro 584 punti (non tanti, a dire la verità: tra le prime dieci hanno solo il nono attacco), subendone però soli 471, di gran lunga meno rispetto alla concorrenza. A fondo classifica si mette male per Forlì, sconfitta dieci volte su dieci sin qui. Davanti a lei la Cestistica Savonese, Nico Basket ed Azzurra Orvieto, tutte con 4 punti, sebbene Orvieto abbia giocato undici match contro i dieci delle altre due.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here