Non cambia la situazione in vetta alla classifica dopo il primo dei due turni della settimana, il quattordicesimo della competizione. L’Efes infatti passa a Kaunas pur non brillando e rimane davanti alla coppia spagnola formata da Real Madrid e Barcellona che battono Milano e Villeurbanne.

Arriva l’ottava vittoria consecutiva per un Efes Istanbul sempre più grande visto che dimostra di poter aggiudicarsi le gare pur non giocando bene come altre volte e con uno Shane Larkin praticamente assente che chiude con appena sei punti segnati. Alla Zalgirio Arena di Kaunas la partita si mantiene praticamente sempre in equilibrio con i turchi però costantemente avanti nel punteggio fino al gestire nel finale e cogliere un altro successo grazie alle belle prove di Vasilije Micic (18) e soprattutto Tibor Pleiss (18 con 9/12 da due).

Real Madrid e Barcellona non mollano però e restano appaiate in seconda posizione. I blancos fanno salire a nove la loro striscia di successi consecutivi ma non è stato affatto semplice battere Milano. L’Armani Exchange infatti gioca un ottimo primo tempo ed un bell’avvio di terzo quarto trovandosi sul +11 al 23′ quando i padroni di casa, con un parziale di 20-5, ribaltano il punteggio. Nell’ultimo periodo la formazione di coach Messina prova a reggere l’urto grazie ad un ottimo Vladimir Micov (22 con 4/5 da tre) e si trova a -4 a poco più di quattro minuti dalla fine ma il Real con un 10-5 chiude i conti in proprio favore con Anthony Randolph (16) e Jordan Mickey (15) principali protagonisti. Più semplice il successo del Barcellona che rimane sempre avanti nel punteggio nella sfida interna contro il Villeurbanne con un break decisivo di 11-0 a metà dell’ultimo quarto per rendere vano ogni tentativo di reazione dei francesi. Per i blaugrana Alex Abrines (16) top scorer.

In quarta posizione si mantiene un ottimo Maccabi Tel Aviv che espugna il parquet dello Zenit San Pietroburgo al termine di un match equilibrato nel primo tempo e che ha vissuto la svolta decisiva nel terzo periodo con il parziale di 12-28 che ha lanciato gli israeliani, trascinati da Tyler Dorsey (17) e Othello Hunter (15), ad un successo alla fine piuttosto comodo.

Affermazioni che valgono il consolidamento in coppia al quinto posto per CSKA Mosca e Panathinaikos. I russi hanno vita piuttosto facile contro la Stella Rossa Belgrado superata nettamente nel secondo tempo grazie ad un parziale di 24-6 tra il venticinquesimo ed il trentunesimo minuto con un Mike James grandissimo protagonista che chiude con 29 punti con 4/8 da due ed un eccellente 6/7 da tre. Molto più complicata la vittoria per i verdi campioni di Grecia che sembrano poter controllare agevolmente la gara contro il Fenerbahce portandosi sul +13 a meno di sette minuti dalla sirena conclusiva ma subiscono poi un break di 2-13 e si salvano per merito della precisione dalla lunetta nei secondi finali di Jimmer Fredette (22) e per il mancato fischio sulla tripla quasi sulla sirena di Nando De Colo che aveva subito fallo da Tyrese Rice e sarebbe dovuto andare in lunetta con tre tiri liberi che avrebbero potuto portare la gara all’overtime.

Clamorosa rimonta nel finale dell’Olympiakos che, sotto di nove lunghezze ad un minuto dalla fine, riesce ad impattare la sfida contro il Khimki per poi vincere agevolmente nel supplementare chiuso con un parziale di 13-2. Nelle fila dei greci decisive le prove di Georgios Printezis (26 con 11/15 da due) e Vassilis Spanoulis che mette a segno una doppia doppia da 18 punti e 10 assist mentre tra i russi da sottolineare l’eccezionale prestazione di Alexey Shved (36).

I due derby di giornata, uno spagnolo e l’altro tedesco, se li aggiudicano rispettivamente il Valencia ed il Bayern Monaco. La formazione allenata da Jaume Ponsarnau travolge nettamente il Baskonia con un super Bojan Dubljevic che chiude con 25 punti con 3/5 da due e 5/8 da tre mentre arriva la prima vittoria in trasferta nella competizione per i campioni di Germania che battono l’Alba Berlino al termine di una gara dall’andamento particolare chiusasi dopo un tempo supplementare. Il Bayern sembra poter controllare toccando al 27′ il +12 ma poi arriva un parziale di 16-0 da parte dei padroni di casa che riequilbra le sorti dell’incontro fino ai momenti conclusivi quando Maodo Lo firma la tripla del pareggio e poi nell’overtime è ancora lui decisivo con un 2/2 dalla lunetta a pochi secondi dalla sirena finale per il definitivo +1 degli ospiti.

RISULTATI
Zenit San Pietroburgo-Maccabi Tel Aviv  71-82
Zalgiris Kaunas-Efes Istanbul  68-74
Panathinaikos-Fenerbahce  81-78
Real Madrid-Armani Exchange Milano  76-67
Barcellona-ASVEL Villeurbanne  80-67
Valencia-Baskonia  105-77
CSKA Mosca-Stella Rossa Belgrado  100-74
Alba Berlino-Bayern Monaco  76-77 d1ts
Olympiakos-Khimki Mosca  109-98 d1ts

CLASSIFICA
Efes Istanbul 12-2, Real Madrid 11-3, Barcellona 11-3, Maccabi Tel Aviv 10-4, CSKA Mosca 9-5, Panathinaikos 9-5, Khimki Mosca 7-7, Armani Exchange Milano 7-7, Baskonia 6-8, ASVEL Villeurbanne 6-8, Olympiakos 6-8, Valencia 6-8, Bayern Monaco 6-8, Stella Rossa Belgrado 5-9, Fenerbahce 5-9, Alba Berlino 4-10, Zalgiris Kaunas 3-11, Zenit San Pietroburgo 3-11.

Articolo precedenteUltimo turno del 2019 per le giovanili della Gea Basketball Grosseto
Articolo successivoGiovanili Pielle Livorno. Colpo Under 18 Gold in casa Don Bosco.
Simone Franco, classe '79, appassionato di tutti gli sport in particolare del meraviglioso gioco della pallacanestro dalle categorie minori alla NBA. Scrivo liberamente fin da ragazzo e da qualche anno ho realizzato il mio sogno di poter condividere con gli altri le emozioni che regala una partita di basket ed ora sono entusiasta di poterlo fare anche attraverso Basketworldlife.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here