Leggi tutti i contenuti

Il tredicesimo successo consecutivo e la bella affermazione sul parquet di Barcellona permettono rispettivamente al Real Madrid e all’Efes Istanbul di rimanere a braccetto in testa alla classifica portandosi ora con due vittorie di vantaggio sui blaugrana che restano terzi. Una ottima Armani Exchange Milano supera il Panathinaikos e si porta al sesto posto proprio in compagnia dei greci ma avanti in virtù del 2-0 negli scontri diretti.

La 18.a Giornata di Eurolega

Il big match di questo diciottesimo turno, il primo del girone di ritorno, era senz’altro quello che vedeva di fronte il Barcellona e l’Efes Istanbul. Al Palau Blaugrana sono gli ospiti a comandare quasi sempre una sfida comunque molto equilibrata e si arriva così alla fine del terzo periodo sul 58-66. L’avvio dell’ultimo tempino stravolge le cose con i catalani che piazzano un parziale di 14-0 in poco meno di cinque minuti, poi sale alla ribalta il coach dei turchi Ergin Ataman che si fa espellere per doppio tecnico e questo, come a volte accade nel basket è il punto di svolta della gara visto che la sua formazione si scuote dal torpore e ribalta nuovamente la situazione andando ad imporsi grazie ai quattro tiri liberi messi a segno da Shane Larkin, il migliore dell’Efes con 26 punti e 35 di valutazione, negli ultimi trentadue secondi. Per il Barcellona buonissima prova di Brandon Davies (20) ma rimane in generale la sensazione di aver buttato via una ghiotta occasione per agganciare in classifica i rivali, unica nota positiva aver mantenuto il vantaggio della differenza canestri nello scontro diretto.

Il Real Madrid si impone sullo Zalgiris Kaunas ma non è stata certo una passeggiata per gli uomini di coach Pablo Laso i quali nel secondo quarto si sono portati anche sul +13 ma non hanno mai avuto la forza per chiudere definitivamente i conti e così i lituani diverse volte nell’ultimo periodo si sono trovati a -6 senza però avere la capacità di fare un ulteriore step per avvicinarsi ancora permettendo così ai blancos di scappare nuovamente sul +14 gestendo poi nel finale la situazione con Trey Thompkins (20 con 3/6 da due e 4/5 da tre) e Rudy Fernandez (17 con 5/8 da tre) principali protagonisti. Per uno Zalgiris Kaunas comunque in crescita, anche se rimane in fondo alla classifica, positiva prestazione di Lukas Lekavicius (21 con 8/12 dal campo).

In quarta posizione si conferma la coppia formata dal Maccabi Tel Aviv e dal CSKA Mosca. Gli israeliani passano a Berlino contro l’Alba al termine di una gara sempre condotta e chiusa con grande autorità nonostante un vantaggio raramente rassicurante grazie alle ottime prove di Elijah Bryant (19 con 2/2 da due e 5/6 da tre) e Jalen Reynolds (17 con 8/10 da due). I russi invece dominano il primo tempo in quel di Monaco contro il Bayern (Greg Monroe 20+10r) chiudendo sul +16 e portandosi anche sul +22 in avvio di terzo quarto, poi però c’è la reazione veemente dei tedeschi che trovano addirittura il -1 a circa cinque minuti dalla fine ma il CSKA non si lascia intimorire e chiude gestendo bene il vantaggio con Mike James (27) e Darrun Hilliard (20) migliori in campo.

Meritatissima e altrettanto importante vittoria per l’Armani Exchange Milano che batte il Panathinaikos e, visti anche gli altri risultati, si consolida ancora più evidentemente in zona playoff. Dopo un inizio equilibrato al Mediolanum Forum, i padroni di casa chiudono la prima metà della sfida sul +10 ma la vera svolta avviene sul finire del terzo periodo con un parziale di 11-0 in poco più di due minuti che lancia la formazione allenata da Ettore Messina sul +16, un distacco che i greci riusciranno solo in parte a recuperare grazie ad un ottimo Jimmer Fredette (28 con 6/9 da due e 5/8 da tre). Nelle fila dell’Armani Exchange invece splendide prove per un ispiratissimo Sergio Rodriguez (22 con 5/8 da due e 4/8 da tre) e un Keifer Skyes da 17 punti in 16 minuti giocati.

Una sensazionale rimonta porta la Stella Rossa Belgrado ad espugnare il parquet dell’ASVEL Villeurbanne, un successo che vale ora l’ottava posizione in solitudine. Primo tempo nettamente di marca francese (+19 all’intervallo lungo) ma nel terzo quarto si scatenano i serbi di un infallibile Vladimir Stimac (21 con 8/8 da due e 1/1 da tre) che si portano a -1 e poi, al termine di un ultimo periodo equilibrato, completano l’incredibile recupero con una tripla ad un secondo dal termine di Kevin Punter (18 con 7/9 dal campo).

Seconda vittoria esterna consecutiva per un ritrovato Fenerbahce che passa sul parquet del Baskonia. Fin dalle prime battute i turchi prendono in mano le redini della sfida portandosi sul +11 all’ottavo minuto e mantenendo la doppia cifra di vantaggio praticamente sempre fino alla fine mostrando finalmente una difesa degna di nota con appena 65 punti subiti, 21 dei quali siglati dal solito Tornike Shengelia (6/8 da due e 2/2 da tre con 37 di valutazione) che sembra però assai spesso predicare nel deserto. D’altra parte la squadra allenata da coach Zeljko Obradovic ha avuto in Leo Westermann (21 con 7/8 da tre) un contributo decisivo alla causa e ora la zona playoff, più dal punto di vista psicologico che da quello pratico della classifica, non è più così lontana.

A completare una giornata caratterizzata come abbiamo visto da tante vittorie esterne (ben 7 su 9) chiudiamo con i successi piuttosto a sorpresa dello Zenit San Pietroburgo e dell’Olympiakos. La squadra allenata da Joan Plaza, trascinata da un praticamente perfetto Will Thomas (20 con 7/8 da due e 1/1 da tre), si aggiudica il derby russo contro il Khimki Mosca dopo una prima parte di gara in sostanziale grande equilibrio, dominando il terzo quarto chiuso sull’11-25 e gestendo nel finale il tentativo di rientro dei padroni di casa che arrivano fino al -3 grazie ad un ottimo Alexey Shved (30) ma non riescono a completare la rimonta. I greci invece passano sul parquet di Valencia comandando sempre le operazioni pur con vantaggio limitato e gestendo bene il finale di match con Gergios Printezis (18) e Sasha Vezenkov (17) in evidenza. Agli spagnoli non sono bastati i 23 punti di Fernando San Emeterio e i 20 di Vanja Marinkovic

RISULTATI

Alba Berlino-Maccabi Tel Aviv  89-95
Armani Exchange Milano-Panathinaikos  96-87
Baskonia-Fenerbahce  65-79
Real Madrid-Zalgiris Kaunas  88-82
Khimki Mosca-Zenit San Pietroburgo  81-83
Bayern Monaco-CSKA Mosca  77-84
ASVEL Villeurbanne-Stella Rossa Belgrado  80-83
Barcellona-Efes Istanbul  82-86
Valencia-Olympiakos  91-93

CLASSIFICA

Efes Istanbul 15-3, Real Madrid 15-3, Barcellona 13-5, Maccabi Tel Aviv 12-6, CSKA Mosca 12-6, Armani Exchange Milano 10-8, Panathinaikos 10-8, Stella Rossa Belgrado 9-9, Khimki Mosca 8-10, Valencia 8-10, ASVEL Villeurbanne 8-10, Baskonia 7-11, Olympiakos 7-11, Fenerbahce 7-11, Bayern Monaco 6-12, Zalgiris Kaunas 5-13, Alba Berlino 5-13, Zenit San Pietroburgo 5-13.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here