La parola più gettonata in casa Scotti dopo l’esordio casalingo con Napoli è ‘peccato’. Quel più 20 che la squadra di Alessio Cioni era riuscita a raggiungere nel secondo parziale nessuno li dimentica e, fermi restando i meriti delle partenopee, non fanno che aumentare la delusione per non essere riusciti poi a portare a casa l’intera posta in palio.

Peccato, non so cosa dire se non questo – spiega Klara Pochobradskaabbiamo iniziato in modo perfetto, direi che quest’anno non abbiamo mai giocato così bene come la prima parte con Napoli e, non a caso, abbiamo toccato anche il più 20. Poi, nella seconda parte, abbiamo forse avuto un po’ di paura ed abbiamo fatto degli errori pagati a caro prezzo visto che abbiamo perso. Loro sono un’ottima squadra e lo hanno confermato, ma abbiamo dimostrato che possiamo giocare anche contro squadre così forti. Questo, quindi, deve essere per noi motivo di stimolo per le prossime gare”.

Cosa è cambiato da metà della seconda frazione? “Secondo me abbiamo avuto paura – prosegue – sono sempre le prime partite in serie A1 e quindi ci può stare che questa cosa accada. Dobbiamo lavorare perchè questa cosa in futuro non ci sia più”. Klara allarga poi il discorso all’impatto con la massima categoria. “E’ un campionato difficile, è tutto nuovo per noi, per lo staff tecnico e per la città. Però, nonostante le due sconfitte, sono fiera della nostra squadra e di quanto ha fatto finora. Anche con Napoli, nonostante tutto, non abbiamo mai mollato e questo è un aspetto importante anche per il futuro”.

L’ultima battuta è per il pubblico. “Giocare in un palazzetto così gremito è stato bello e quindi ringraziamo la gente che è venuta a vederci e che ci ha sostenuti. Sono certa che, anche in futuro, ci daranno una bella spinta“.

Ufficio Stampa USE/USE Rosa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here