Palla a due in un Palabattisti vicino al sold out: quasi mille gli spettatori presenti a Verbania. Omegna priva di Cantone, out per un leggero stiramento, ma Ghizzinardi ritrova Samoggia al debutto in campionato e Grande che gioca con una maschera protettiva dopo la frattura del setto nasale rimediata a San Miniato.

Si parte con Grande, Bruno, D’Alessandro, Arrigoni e Balanzoni da una parte, Valentini, Hidalgo, Gallazzi, Pilotti e Bertocchi dall’altra. Fantascientifici i primi 5’ della Paffoni: Grande è in versione Iverson, Oleggio in attacco commette una marea di errori e dopo 5’ i tabellone recita 14-0. Pilotti dopo 6’ segna il primo canestro ospite, imitato poco dopo da Hidalgo: la Mamy rientra parzialmente su 16-8, ma al primo riposo è 23-14 Fulgor.

Nel secondo quarto Donadoni, intraprendente e davvero bravissimo, segna un paio di canestri dal coefficiente di difficoltà elevatissimo. Balanzoni entra in partita con 6 punti consecutivi e la Paffoni scappa fino al più 19. All’intervallo lungo è 45-29 per Omegna.

Secondo tempo che vive di fiammate: quando accelera la Paffoni arriva ad avere una ventina di punti di vantaggio, ma Oleggio ha il merito di non mollare. Il risultato non è mai in bilico, con i rossoverdi che mantengono sempre il controllo delle operazioni.

Il terzetto Grande-Donadoni-Balanzoni detta legge, dall’altra parte i migliori sono Parravicini e Gallazzi. Alla fine è 88-71

STATISTICHE

Ufficio Stampa Fulgor Omegna

Articolo precedenteLBF A2: L’Itas Alperia Bolzano espugna Udine
Articolo successivoA2, 4^ giornata: la B&P Autoricambi Costa Masnaga vola a punteggio pieno, battuta Carugate 48-75

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here