Tre impegni in sette giorni, parte il tour de force in Serie A2 Old Wild West che per la Bakery Piacenza significa tre sfide importanti: si inizierà al Pala Hilton Pharma di Ferrara, per proseguire con le due partite casalinghe contro Jesi e Roseto. Un passo alla volta.

Domenica 21 ottobre, palla a due ore 18:00, sarà il tempo di Bondi-Bakery: per i biancorossi prosegue lo studio della formazione estense.

LA SQUADRA –  Affidata al giovane (classe 1984) coach Bonacina, la Bondi ha costruito per la stagione una squadra dalle gerarchie ben definite: due USA di altissimo livello, un veterano del secondo campionato, giocatori emergenti e diversi giovani in grado di reggere l’urto con la seconda categoria nazionale.

I veri botti di mercato sono indubbiamente quelli a stelle e strisce: la conferma di Mike Hall è la testimonianza della bontà del lavoro degli estensi, mentre l’acquisto in corsa di Isaiah Swann (giunto a fine agosto per rimpiazzare Pressley) ha cambiato completamente volto alla squadra, fornendo allo staff tecnico bianco azzurro un attaccante di primissimo piano. In avvio di stagione sono 19 i punti di media per Swann, con 5 assist; Hall invece, vero fulcro dell’attacco ferrarese, si assesta invece a 17.5 punti, 10 rimbalzi e 5 assist di media.

Il pitturato è protetto da Tommaso Fantoni, lungo classe 1985 da 14.5 punti ed 8 rimbalzi di media con trascorsi importanti in A2, principalmente nelle due tappe piemontesi, coincise con altrettante promozioni nella massima serie (nel 2010/2011 a Casale Monferrato, nel 2014/2015 a Torino), mentre in cabina di regia ecco Alessandro Panni, classe 1991 già affrontato dalla Bakery nel 16/17 quando militava nella Co.Mark Bergamo. Finora impiegato per 15 minuti a partita, Molinaro può essere un’altra spina nel fianco delle avversarie della Bondi: i suoi 204cm di versatilità gli hanno permesso di contribuire, nella passata stagione, con quasi 7 punti di media a partita.

Il “progetto-giovani” della Bondi si traduce in minuti importanti per De Zardo, esterno classe 1999 di scuola trevigiana, capace di garantire 9.5 punti a partita, e per il coetaneo Zampini, playmaker di 191cm molto abile a rimbalzo (7.5 di media in questo avvio di stagione).

LA PARTITA – Due precedenti tra le due formazioni, risalenti alla stagione 2014/2015 in Serie A2 Silver: due successi per Ferrara (che da allora ha modificato nome societario, da Pallacanestro Ferrara 2011 a Kleb Basket Ferrara), 92-78 al Pala HiltonPharma ed un combattutissimo 83-85 al PalaBakery nel girone di ritorno. A dirigere quello che sarà dunque il terzo confronto tra le due compagini sarà il terzetto formato dagli arbitri Noce, Marota e Tarascio.

Come tutto il campionato di Serie A2 Old Wild West, anchePiacenza-Treviso sarà in diretta su LNP TV Pass, la piattaforma di Lega Nazionale Pallacanestro per la trasmissione in streaming del secondo campionato nazionale accessibile da PC e mobile, grazie alle nuove app per iOS ed Android. Tutte le informazioni per abbonarsi sono sul sito di LNP.
Infine, anche per la stagione 18/19 l’emittente radiofonica RadioSound (FM 95, 94.6 MHz) si conferma accanto alla Bakery Basket e trasmetterà in diretta flash delle partite dei biancorossi all’interno di Stadio Sound, il programma sportivo della domenica pomeriggio.

Ufficio Stampa: Pallacanestro Piacentina

Articolo precedenteCoach Marco Sodini verso Cassino-Orlandina, a Cassino non sarà facile
Articolo successivoCorato pensa al futuro, per la prossima stagione ecco il play Cioppa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here