Home » Comunicati Stampa » L’Assigeco Piacenza sbanca Verona 87-89, Formenti allo scadere fa impazzire i biancorossoblu

L’Assigeco Piacenza sbanca Verona 87-89, Formenti allo scadere fa impazzire i biancorossoblu

17
0
Tezenis Verona-Assigeco Piacenza (foto Paola Ponti)

L’impresa è servita: gli ultimi secondi di gioco stavolta sono dolcissimi per l’Assigeco Piacenza che trova la vittoria allo scadere contro la Tezenis Verona grazie alla tripla dall’angolo di capitan Matteo Formenti. Finisce 87-89 la partita dell’AGSM Forum in cui gli ospiti, in balìa dei veronesi nel secondo quarto, hanno saputo come sempre reagire alla grande trovando alla fine della rimonta anche i meritatissimi 2 punti.

LA CRONACA – Il primo quarto si apre nel segno dell’equilibrio che non riescono a trovare un break vantaggioso; da una parte i veronesi perdono sei palloni ma infilano 4 triple, dall’altra gli ospiti sono più attenti alla gestione della palla quanto imprecisi da fuori (1/6 da tre). E’ Michele Antelli dopo un tocco astuto di Vangelov a chiudere i primi dieci minuti di gioco sul 24-22 Verona. All’inizio del secondo parziale la Scaligera prova una mini-fuga sul 35-28 con 5 punti di Henderson e 4 di Giovanni Severini che costringono coach Ceccarelli al primo timeout. Al rientro in campo i biancorossoblu rispondono un break di 5-0 firmato Sabatini e Murry per il 35-33. La Tezenis scappa ancora trovando il primo vantaggio in doppia cifra (43-33) ma Ogide prova a fermare l’emorragia con un gioco da 3 punti. Nonostante l’ottima vena realizzativa di Ferguson e la sofferenza a rimbalzo (18-10) l’Assigeco rosicchia ancora qualche punto grazie alla precisione ai liberi e al grande equilibrio realizzativo dei suoi giocatori:  fine primo tempo il tabellone dice 51-47 Verona.

Gli ospiti inaugurano il terzo quarto con tre triple consecutive che valgono il vantaggio sul 56-54. Lo straordinario break piacentino si allunga fino al 16-4 del sesto minuto che segna addirittura un +8 (55-63) che obbliga Dalmonte al minuto di sospensione. Jazz Ferguoson e Candussi alla ripresa delle operazioni riprendono le redini del gioco e firmano l’8-3 che stavolta obbliga Ceccarelli a fermare la partita. Il solito coraggioso Antelli trova la tripla del controsorpasso dopo il vantaggio trovato da Amato, ma Severini a quota 15 senza errori dal campo, trova i liberi del pareggio (69-69) che chiudono il terzo periodo.  La Tezenis prova l’allungo dopo 3 minuti dell’ultimo quarto sul 76-72 ma “Ike” riporta a contatto gli ospiti con la tripla del -1 e Sabatini dopo il piazzato di Udom ritrova il pareggio, l’ennesimo di serata con la terza tripla personale.

I gialloblu spingono sull’acceleratore e provano a staccare nuovamente Piacenza che però non molla mai e con Ogide trova un’altra conclusione dai 6.75 per l’84-83 a 2’20” dalla sirena. Ferguson con la bomba dell’87-83 sembra aver chiuso la partita ma un errore banale di Udom ed un antisportivo comminato all’ex playmaker di Biella riavvicinano l’Assigeco ancora una volta a -1. 34 secondi al termine: Terry Henderson sbaglia una tripla aperta, Murry cattura il rimbalzo e conduce il contropiede, “splitta” l’aiuto avversario e trova capitan Formenti nell’angolo sinistro che con la solita freddezza piazza la tripla della vittoria ad un secondo dalla fine che fa esplodere la panchina e i tifosi accorsi all’AGSM Forum. Stavolta niente finale da amaro in bocca: il finale è dolce, dolcissimo nella città del pandoro per l’Assigeco Piacenza.

MOMENTO CHIAVE – Impossibile non identificare la giocata chiave con la tripla di Matteo Formenti che è valsa i due punti: al contrario della trasferta mantovana dove Murry aveva regalato l’illusione della vittoria, il secondo rimasto sul cronometro alla Tezenis non è stato abbastanza per riuscire a trovare il miracolo.

 PROTAGONISTI BIANCOROSSOBLU – 5 giocatori in doppia cifra con Ihedioha e Formenti a guidare la squadra a quota 17, seguiti da Ogide a 15, Sabatini a 14 e Murry a 10. Importante l’apporto di Antelli e Piccoli con 7 punti a testa che hanno permesso agli ospiti di non far scappare Verona nel secondo periodo.

 CURIOSITA’ STATISTICHE – L’Assigeco piazza un buonissimo 14/37 dalla lunga distanza, con ben 12 triple arrivate nel secondo tempo: il migliore è Francesco Ihedioha con un perfetto 3/3. Verona cattura ben 10 rimbalzi in più (38-28) ma paga le tante palle perse, 17, contro le sole 8 dei biancorossoblu. Da segnalare per i padroni di casa il perfect game di Giovanni Severini con 7/7 da 2, 1/1 da tre e 2/2 ai liberi per un totale di 19 punti che non sono bastati però agli Scaligeri per strappare la vittoria di mano a questa magnifica Assigeco

PROSSIMO INCONTRO – Domenica 4 Novembre, APU Udine, ore 18 al PalaBanca di Piacenza

TEZENIS VERONA – ASSIGECO PIACENZA  87-89
Parziali:(24-22,51-47,69-69)

Verona: Ferguson 19, Udom 11, Candussi 12, Henderson 7, Severini 19, Oboe ne, Guglielmi ne, Ikangi, Dieng, Quarisa 4, Amato 8, Maspero 7. All. Dalmonte

Piacenza: Graziani, Formenti 17, Murry 10, Ihedioha 17, Sabatini 14, Andena ne, Vangelov 2, Turini, Antelli 7, Piccoli 7, Ogide 15, Diouf. All. Ceccarelli

Ufficio Stampa Assigeco Piacenza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here