Buona prova delle ragazze della Scs Varese che  contro Castelnuovo Scrivia rimangono in partita per 35 minuti. Le troppe palle perse hanno permesso alle ospiti di allungare nel finale. Super Alessandra Visconti in attacco e Francesca Mistò in difesa su Pieropan.

Non riesce a sbloccare la classifica la SCS Varese ma mostra evidenti segni di miglioramento, giocando alla pari con Castelnuovo Scrivia, squadra a punteggio pieno e con ambizioni di vertice.

L’inizio è stato tutto di marca varesina con Alessandra Visconti immarcabile: per lei alla fine saranno 18 i punti con 3/9 da 2 e 3/7 da 3 e ben 15 rimbalzi. Castelnovo rimane a ruota con Martelliano e Canova, ma Varese impedisce buoni rifornimenti alla loro bocca da fuoco Pieropan marcata come da manuale da Francesca Mistò. Il vantaggio delle biancorosse viene ricucito però dalle ospiti che sfruttano le palle perse delle varesine ancora troppo macchinose nel gioco offensivo.

In difesa Varese però si fa sentire e grazie anche al dominio sotto canestro, alla fine il totale dei rimbalzi dirà 43 a 33, rimane in scia. Al rientro in campo, dopo la pausa lunga, Varese torna a meno 1, ma le ospiti trovano un’ispirata Claudia Colli che mette a segno 8 punti consecutivi e firma il primo allungo. Varese con Visconti, Sorrentino e Francesca Mistò tenta di ricucire lo strappo, ma alla fine si deve arrendere. La Scs deve recriminare ancora sulle troppe palle perse, alla fine sono state 30, e sul poco apporto arrivato dalla panchina, tanto che le rotazioni limitate hanno tolto lucidità nel finale e nonostante il branco sembra essersi messo sulla buona strada, il lavoro in settimana sta dando i suoi frutti, resta il rammarico di non aver sfruttato l’occasione.

Le lacrime finali di alcune biancorosse sono la conferma che la squadra ci crede, ora serve l’apporto di tutte, a partire dalla prossima.

 

Ufficio Stampa Varese 95

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here