Partiamo dalle buone notizie: Filippini è tornato abile e arruolato e ora all’appello manca solo Anumba per completare il roster. Un dato molto importante se si pensa che la squadra sta giocando ogni tre giorni e c’è poco tempo per recuperare le energie. L’altra nota lieta della serata è la voglia della Rekico Faenza di non mollare mai mostrata contro un’ottima Omegna, confermatasi anche al PalaCattani la squadra più in forma del girone come dimostrano le nove vittorie nelle ultime dieci gare. I piemontesi si aggiudicano il match con pieno merito, compiendo un passo decisivo verso il secondo posto al termine della prima fase.

Coach Belosi, capo allenatore in quanto Serra è in quarantena per aver avuto un contatto con un positivo (non del gruppo dei Raggisolaris) ha buone indicazioni dalla sua squadra nei primi minuti come dimostra il 6-0 iniziale dove Ly-Lee è grande protagonista. Omegna sbaglia molte conclusioni, ma minuto dopo minuto stringe le maglie difensive, trovando il vantaggio a fine primo quarto (15-13) per poi andare in fuga nel secondo. Proprio la pressione difensiva diventa determinante, come dimostrano i due soli punti concessi alla Rekico nei primi cinque minuti di gioco. I Raggisolaris non riescono a trovare buone trame di gioco e litigano troppo con il canestro, mentre Omegna costruisce buone azioni finalizzate in molti casi con il tiro da tre. Prandin e Scali dalla lunga distanza e Balanzoni e Sgobba da sotto sono i mattatori del 35-21 dell’intervallo.

Nel secondo tempo la Paffoni continua a mantenere l’inerzia, con la Rekico che non smette di lottare mostrando il solito carattere, non riuscendo però mai a riaprire i giochi. Come accaduto con Rimini la recriminazione maggiore è non aver potuto disputare un simile incontro con l’organico al completo.

PROSSIMO TURNO La Rekico ritornerà in campo sabato 13 marzo alle 18 a Cesena per il recupero della decima giornata, giorno in cui si concluderà la prima fase dei faentini. Il primo impegno della seconda fase sarà domenica 21 marzo alle 18 al PalaCattani contro Cecina.

Rekico Faenza – Paffoni Omegna 50-70
(13-15; 21-35; 37-52)

Rekico Faenza: Testa 6, Rubbini 5, Marabini ne, Calabrese, Ballabio 13, Ly-Lee 4, Filippini, Iattoni 4, Solaroli, Ragazzini ne, Petrucci 11, Pierich 7. All.: Serra
Paffoni Omegna: Artioli 8, Procacci ne, Zugno 1, Scali 9, Del Testa 10, Terreni ne, Segala ne, Balanzoni 15, Prandin 19, Sgobba 8, Neri. All.: Andreazza

Arbitri: Andreatta e Zancolò

Ufficio Stampa Rekico Raggisolaris Faenza

Articolo precedenteA2: L’Unieuro Forlì regola la Tramec Cento 80-67
Articolo successivoA2: Scafati supera l’Eurobasket Roma e vola alle Final Eight di Coppa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here