La rappresentativa del Cus Pisa basket under 20 non riesce a ripetere la partita super dell’andata e perde nettamente contro la Libertas Livorno 1947.

Che ci fosse un divario tra le due squadre, sia dal punto di vista fisico che tecnico era noto a tutti. Difficile infatti trovare rivali per i labronici, reduci da una vittoria di 40 punti a San Vincenzo ed in grado di schierare giocatori come Geromin, Vivone e Prima inseriti nel roster della prima squadra impegnata, proprio in questi giorni nella semifinale per la promozione in A2.

Certo che l’approccio iniziale dei padroni di casa non è stato dei migliori. Scarsa attenzione difensiva ed approssimazione in attacco hanno spianato la strada agli ospiti che chiudevano la prima frazione sopra di 21 punti.

Nel secondo quarto le cose non cambiavano molto ed i gialloblù andavano all’intervallo lungo con un pesante passivo di 30 punti (18 a 48).

Alla ripresa del gioco i pisani mostravano un’altra intensità e riuscivano a fare meglio degli avversari chiudendo in vantaggio gli ultimi due quarti (27 a 24), dimostrando di poter essere competitivi a condizione di mettere in campo grinta ed intensità di gioco per tutti i 40 minuti, caratteristiche che sono mancate nella prima metà della gara contro la Libertas, alla quale è doveroso fare i complimenti sia per la prestazione della propria rappresentativa under 20 che, più in generale, per l’ottimo lavoro che sta svolgendo anche con il settore giovanile.

Tra le fila pisane la palma dell’MVP va a Paradisi che è stato anche il top scorer della sua squadra con 17 punti realizzati. Prossimo appuntamento per i gialloblù pisani lunedì 14 giugno a San Vincenzo, in palio la conquista del secondo posto del girone A del campionato Under 20 Silver.

CUS PISA – LIBERTAS LIVORNO 1947 45-72
(7-28, 11-20, 10-10, 17-14)

CUS PISA : Mariotti 2, Crovetto, Giannelli 16, De Paolis, Bonacci A., Bonacci J. 4, Russo, Molesti 2, Raglianti, Paradisi 17, Rubino, Sciamanda 4. All. Giuntoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here