Sconfitta in FIBA Europe Cup per la Happy Casa Brindisi che patisce per la seconda volta la forza della squadra ucraina di Kiev, costretta a giocare a Veroli le gare casalinghe, abbassando drasticamente le percentuali di qualificazione al turno successivo con due gare al termine del girone F.

La Happy Casa si presenta a Veroli priva di Marcquise Reed mentre recupera Dixson per la prima volta in stagione convocato dopo i problemi patiti in precampionato. In starting five viene schierato Riismaa accanto a Bowman tra gli esterni ed Etou con Perkins tra i lunghi coadiuvati da capitan Burnell.

Il primo break è a firma del Budivelynk in doppia cifra di vantaggio al sesto minuto grazie ai 13 punti di uno scatenato Berhanemeskel (16-6). La reazione biancoazzurra non tarda ad arrivare per il contro parziale di 15-2 che vale il sorpasso a fine primo quarto (23-27) in cui spicca anche la prima giocata di Dixson con recupero e volata a canestro.

L’attacco di Brindisi si ferma a soli 8 punti nel secondo quarto mentre Berhanemeskel è letteralmente on-fire trascinando Kiev al nuovo massimo vantaggio sul +11 (45-34) con un parziale di 16-0 a proprio favore.

Al rientro dagli spogliatoi Bowman scuote sé stesso e i compagni con 9 punti di fila e dal -15 la Happy Casa ricuce lo svantaggio al 67-63 di fine terzo quarto. La zona difensiva ordinata da coach Vitucci trae grandi benefici (72-69 al 35’) ma nel momento di massimo sforzo Brindisi non capitalizza in attacco sprecando ghiotte occasioni per piazzare la zampata decisiva. Il solito Berhanemeskel mette il punto esclamativo nel finale per l’allungo definitivo del Budivelnyk.

BC BUDIVELNYK KIEV – HAPPY CASA BRINDISI 93-83
(23-27, 45-35, 67-63, 93-83)

KIEV: Barber 7, Grant 14, Grytsak ne, Berhanemeskel 31, Goodwin 17, Krutous, Bobrov 12, Brown, Majauskas, Bliznyuk 12, Tyrtyshnyk ne, Tykhonov. All.: Plekhanov.

BRINDISI: Etou 2, Burnell 14, Bowman 27, Mascolo 8, Mezzanotte 2, Riismaa 8, Bayehe 4, Perkins 10, Dixson 4, Bocevski ne, Reed ne. All.: Vitucci.

ARBITRI: Straube (GER) – Oliot (FRA) – Maret (FRA)

Photocredits: FIBA Europe

Articolo precedenteEuroleague Women: Continua il tabù catalano. Schio affonda a Girona 83-63
Articolo successivoA2 femminile Sud: Bruschi San Giovanni Valdarno e Sara Varga ai saluti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here