È un Natale particolare quello che si vive in casa Olimpia Basket Matera. Va in archivio un anno vissuto sulle montagne russe, iniziato con ottimi risultati in campionato, la qualificazione alla Final Eight di coppa Italia, continuato con la roboante campagna acquisti, il raggiungimento dei quarti di finale della Supercoppa del centenario.

In mezzo, la sospensione del campionato per l’emergenza Covid, la ripresa con il pubblico ed infine l’out out della FIP di giocare a porte chiuse, condizione quest’ultima da cui è scaturita la dolorosa decisione del ritiro dal campionato, in attesa di riprogrammare la ripresa partendo dalla categoria inferiore.

In questo scenario molto complesso, la società del presidente Rocco Sassone, sostenuta esclusivamente dalle aziende BAWER e INGEST, ha onorato gli impegni assunti con giocatori, allenatori e staff tecnico, così come immediatamente preannunciato, ponendo le condizioni necessarie affinché gli atleti trovassero altre sistemazioni.

L’Olimpia con tutta la sua storia, le sue tradizioni e le sue ambizioni è più viva e sana che mai – ribadisce il presidente -, e attende le evidenze dalla Lega rispetto alla prosecuzione delle attività sportive a cui di fatto la società risulta già iscritta, in quanto ha regolarmente versato le somme necessarie a disputare campionati nazionali”, ha tenuto a ribadire il presidente Sassone, che spiega: “Sappiamo bene di aver preso una decisione drastica, ma la nostra gestione ha sempre privilegiato la trasparenza dei rapporti, l’etica sportiva e la responsabilità amministrativa, e proseguire senza risorse aggiuntive e/o garanzie a copertura sarebbe stato un azzardo sulla pelle dei nostri collaboratori. Noi invece abbiamo preferito evidenziare il disavanzo determinato dall’immotivata decisione della Lega di giocare senza pubblico, seppure con i tempi ristretti dettati dal comunicato della FIP, e solo dopo avere preso atto dell’assenza di supporto da parte di istituzioni pubbliche, privati, soci e sostenitori, abbiamo deciso di non fare il passo più lungo della gamba.

Ora attendiamo di conoscere gli sviluppi futuri, rispetto ai quali valuteremo come comportarci, visto che le situazioni contingenti stanno facendo emergere deficit finanziari in numerose compagini, anche di rilievo nazionale, come dimostra il caso eclatante della Virtus Roma, che proprio nelle scorse settimane si è ritirata di punto in bianco dal massimo campionato.

Riteniamo che lo sport – ed in particolare il basket – debba rivedere la sua governance che all’attualità non è in grado di interpretare i bisogni di un movimento che si regge esclusivamente grazie alle risorse di privati a cui specie nei periodi di congiuntura economica e sanitaria non può essere chiesto di sopperire ad interventi pubblici inesistenti”.

In attesa di aggiornamenti sulla vicenda il Presidente e il CdA dell’Olimpia Basket Matera augurano a tutti i sostenitori un sereno Natale, auspicando che il 2021 sia l’anno in cui gli appassionati materani della palla a spicchi, garantendo vicinanza e sostegno alla società, potranno ritornare a godere dello spettacolo che solo uno sport come il basket è in grado di regalare.

Ufficio Stampa Olimpia Matera

Articolo precedenteHarrison On-Fire: Brindisi batte Oostende 93-81 e punta la qualificazione
Articolo successivoA2 femminile: Diotti trascina Carugate al successo su Alpo. Alle veronesi non basta una super dell’Olio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here