Giornata interlocutoria, quella andata in archivio nel fine settimana, nel campionato di Serie A1 femminile, con la vittoria delle prime tre della classifica. La capolista Umana Reyer Venezia espugna il parquet della Repower Sanga Milano penultima, con appena due vittorie all’attivo. La compagine di Mazzon, dopo un primo quarto equilibrato, ma comunque chiuso con quattro lunghezze di vantaggio, allunga nel secondo periodo, senza più lasciare il controllo della partita alle padrone di casa, alle quali non bastano i 19 della Toffali, con 9/16 dal campo. Nelle venete, a conferma della buona prova collettiva, ben sei ragazze in doppia cifra, con la Pan che, uscendo dalla panchina, ne mette 17 in 22’, con 7/9 dal campo.

Tengono il passo della prima della classe anche il Famila Wuber Schio e la Virtus Segafredo Bologna, entrambe vittoriose. Le campionesse d’Italia uscenti regolano, per 76-62, la Dinamo Banco Sardegna Sassari, in prolungata serie negativa. Sono infatti ben cinque gli stop di fila della compagine di Antonello Restivo che a Schio rimane in partita fino alla fine del terzo quarto, prima di incassare un parziale di 28-17 nel periodo finale, determinante nella vittoria veneta. Per Schio quattro ragazze in doppia cifra, con la Reisingerova in doppia doppia, da 11 punti ed altrettanti rimbalzi, e la coppia VeronaGuirantes a 14. Nelle sarde 19 della Joens con 3/5 nelle triple.

Più agevole il successo della Virtus Bologna, nel derby contro la E-Work Faenza, in partita solo nel primo periodo. Nel secondo quarto, infatti, le “V Nere” stampano un parziale di 21-14, andando all’intervallo lungo con 10 lunghezze di margine, per poi allungare definitivamente nell’ultimo quarto. Per le felsinee si tratta del sesto successo di fila, propiziato dalla doppia doppia della Rupert, da 17 punti e 13 rimbalzi, bene anche la Dojkic, a quota 15. Per Faenza, ottima prova della Tagliamento, 19 con 4/5 da oltre l’arco.

Alle spalle delle prime tre, si inceppa la Molisana Campobasso, al secondo stop di fila; questa settimana le ragazze di Sabatelli cedono alla Passalacqua Ragusa, brava a concedere alle rivali di giornata appena 49 punti, con basse percentuali, soprattutto da lontano. Le siciliane blindano i due punti già all’intervallo lungo, chiuso avanti di 17, per poi chiudere per 63-49. Lino Lardo ha 18 punti dalla Thomas, con 4/4 dalla lunga, 13 dalla Chidom e 10 dalla Juskaite, per Campobasso 18 della Dedic.

Il secondo stop di fila costa alle molisane l’aggancio al quarto posto da parte della Allianz Geas Sesto San Giovanni; le ragazze di Cinzia Zanotti espugnano il parquet della Alama San Martino di Lupari al termine di una partita vietata ai cardiopatici. Il colpaccio delle lombarde, infatti, arriva al termine del supplementare, dopo che i canonici 40’ erano terminati sul 58-58. Per la Geas si tratta del quarto successo di fila, propiziato dai 23 della Panzera, con 5/8 al tiro, col il gustoso contorno di 11 rimbalzi, e dai 21 della Gwathmey. Piazza, invece, ne ha 21 dalla Turcinovic e 15 dalla Kostowicz.

In coda, continua l’allergia alla vittoria della O.ME.P.S. Battipaglia, unica squadra del campionato a non aver ancora conosciuto il dolce sapore dei due punti. Questa settimana le campane cedono alla Oxygen Roma, adesso in piena zona playoff. Le romane sono brave a capovolgere l’andamento del confronto, dopo un primo quarto chiuso da Battipaglia avanti di 9, prima agganciando le rivali e poi brindando ai due punti con il 21-12 del periodo finale. Le campane pagano la scarsa profondità del roster, che rende vani i 27, con 11/15 al tiro, della Johnson. In casa Oxygen 15 della Kalu e 14 della Czukor.

Classifica A1 Techfind

Photocredits: Passalacqua Ragusa

Articolo precedenteBrescia rullo compressore. Vola la Virtus a Treviso. Cade Venezia a Reggio Emilia. Sale Milano
Articolo successivoSerie B Nazionale: Tre toscane comandono il gruppo A. Nel B continua la marcia solitaria di Ruvo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here