Il titolo originale del film “Più in alto di tutti” è Rebound: The Legend of Earl ‘The Goat’ Manigault in cui il regista Eriq La Salle racconta la storia di questo ragazzo con il basket nel sangue, le sue cadute e risalite e destinato a diventare il re di Harlem.

“Più in alto di tutti”: la vera storia di una leggenda

Questo film racconta la storia vera di una delle leggende del playground newyorkese e probabilmente lo streetballer migliore di tutti i tempi, Earl Manigault. Soprannominato The Goat, Earl non riuscirà mai ad entrare in NBA ma, nonostante tutto, verrà ricordato dallo stesso Kareem Abdul-Jabbar come il migliore di sempre. Oltre allo stesso Jabbar, nel film figurano Forest Whitaker, James Earl Jones e Kevin Garnett che interpreta Wilt Chamberlain.

Rebound: The Legend of Earl ‘The Goat’ Manigault, trama

New York, Anni ’50. Earl, allenatosi costantemente nei campi cittadini di basket, diventa in breve tempo una vera e propria leggenda vivente. Destinato ad una brillante carriera nel professionismo NBA, rovinerà il suo futuro a causa di una dipendenza dall’eroina che lo porterà a rubare, quindi in carcere. Solo dopo aver ripetutamente toccato il fondo riuscirà a trovare la forza e le motivazioni per salvare se stesso.

Earl Manigault, tra le numerose leggende dei playground americani, è senza dubbio lo street baller che ha affascinato il pubblico sia per il suo incredibile talento che per la sua drammatica storia. Cresciuto a New York, Earl dava sempre spettacolo nel vecchio campo di Rucker Park grazie alle sue doti di grande saltatore nonostante la sua modesta altezza (1,86 cm). All’età di soli 11 anni era in grado di schiacciare contemporaneamente due palloni e, proprio grazie alla sua incredibile abilità, un giorno durante uno dei tornei estivi che si tenevano a Rucker Park, schiacciò in testa a Lew Alcinor, conosciuto con il nome di Kareem-Abdul Jabbar.

Articolo precedenteOmegna: A Vigevano per la trasferta più affascinante
Articolo successivoFiorentina Basket, prolungato a giugno 2022 il contratto con Andrea Niccolai
Web editor e copywriter freelance

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here