La Rekico sbanca con autorità il campo della Rimadesio, mostratasi mai doma come da pronostico. La voglia di vincere e di restare ancorata alla coppia di testa fanno però la differenza, permettendo ai faentini di chiudere i conti già all’intervallo con un perentorio break.

Il primo quarto è all’insegna dell’equilibrio con Desio che resta in partita approfittando di qualche calo di tensione di troppo della difesa faentina: uno su tutti, la tripla di Busetto segnata allo scadere che vale il 17-17. La Rekico non accusa il colpo e inizia a giocare la propria pallacanestro, ma Desio non molla e passa a condurre di pochi punti, poi sul 30-30 arriva il momento clou del match. Le maglie della difesa romagnola si stringono non concedendo nulla e in attacco Chiappelli e Sgobba colpiscono da tre, dando il via ad un break di 10-0 che porta la Rekico sul 40-30 all’intervallo.

Un allungo che galvanizza i faentini, rientrati poi in campo con il giusto spirito e a suon di triple prende il largo. L’ex di turno Fumagalli sigla una delle sue cinque ‘bombe’ (chiuderà con un 5/5 dall’arco) firmando il 52-36 poi il punto esclamativo di un quarto perfetto lo mette Venucci nei secondi finali, portando i Raggisolaris sul 64-45. Un parziale frutto delle altissime percentuali offensive e della difesa, tanto che Desio nel terzo quarto segna quasi esclusivamente dalla lunetta. Gli ultimi dieci minuti diventano così un monologo faentino dove trova gloria anche Petrini, autore del canestro del 95-66 finale.

RIMADESIO – REKIKO FAENZA  66-95
Parziali: (17-17,30-40,45-61)

AURORA DESIO: Giacomelli, Perez 8, Tommei 9, Beretta, Busetto 5, Brown 13, Fiorito 3, Bassi 5, Peri ne, Lenti 22, Torchio, Pesenato 1. All.: Ghirelli

REKIKO FAENZA: Fumagalli 22, Costanzelli, Silimbani 4, Casagrande 14, Venucci 20, Zampa 4, Petrucci, Chiappelli 13, Sgobba 16, Petrini 2. All.: Friso

ARBITRI: Berger – Sconfienza

Ufficio Stampa Rekico Raggisolaris Faenza

Articolo precedenteA2: espugnata Siena, la Givova Scafati cala il Poker di vittorie consecutive
Articolo successivoMontecatini ci crede ancora. I rossoblù superano la resistenza di Domodossola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here