Il derby romagnolo di coppa Italia vale la finale per i Tigers

114
0
nella foto Antonio De Fabritiis, MVP della gara per i Tigers con 16 punti ed un 4/5 da 3 punti

Gli Amadori Tigers Cesena staccano il pass per la finale di Coppa Italia aggiudicandosi il derby tutto romagnolo contro la Rekico Faenza al termine di una prestazione cinica, fatta di tanta concretezza in difesa, contando poi sull’apporto di un ritrovato Antonio De Fabritiis, MVP con 16 punti ed un 4/5 da 3 punti che ha dato ai Tigers la spinta decisiva verso la Vittoria.

Le due squadre partono molto contratte, con Cesena che addormenta da subito il match portandolo sui ritmi a lei più congeniali. Faenza non riesce mai a sprintare ed il punteggio, molto basso, recita un 36-25 al riposo lungo, senza troppi sussulti. Sul finire di secondo quarto, la Amadori comincia a dare segnali di ciò che la partita dirà nel prosieguo. A 4’20’’ Trapani buca in penetrazione una difesa troppo poco attenta, mentre Raschi confezione una bomba per poi catturare un rimbalzo e depositare il punto del 25-19. Coach Friso chiama time out e, prima di avere 2 punti da Fumagalli, Faenza incassa il 27-19 di Sacchettini che poi però commette il suo terzo fallo. Si entra in zona De Fabritiis. Sono 7 i punti che il “Conte” mette a segno sul finire di primo tempo inchiodando la tripla del 36–22 poi rintuzzata da quella, a fil di sirena, di Chiappelli.

Ossigeno per Faenza che rientra così negli spogliatoi sul 36-25 e l’impressione di poter limitare i danni. E’ solamente un’impressione però, perché Cesena, al ritorno dalla pausa lunga, mostra la sua faccia migliore. Così, mentre Brkic prende a piazzare stoppate, De Fabritiis raccoglie fatturato. A 7’43’’ è una bomba del capitano cesenate a dare a Cesena il nuova massimo vantaggio: 41-27. La Amadori imbriglia Faenza in una morsa dalla quale i manfredi non riesco ad uscire. A 6’02’’ è di nuovo De Fabritiis a timbrare dall’arco e, quando Brkic cancella Chiappelli con una stoppata, a 4’51’’, con Battisti a perfezionare la recuperata con assist a Dagnello per un comodo appoggio in contropiede, i Tigers si trovano sul nuovo massimo vantaggio, col +15, sul 46-31. Poco dopo, la giocata con la quale gli Amadori Tigers Cesena azzannano la preda. Altra stoppata del capitano ed il 49– 31 porta la firma del “Conte” De Fabritiis. Petrucci prova a rispondere presente sempre dall’arco, ma di nuovo dai 6,75, questa volta Dagnello, a 1’40’’ scrive il 52-38. Gli ultimi punti del quarto portano la firma di Trapani, su assist di Ferraro, e infine dello stesso Ferraro, 1/2 dalla lunetta. Giusto il tempo di vedere Francesco Poggi sul parquet ed il terzo quarto va in archivio sul 55-40. Una distanza certo non insormontabile, ma Faenza è fiaccata, demoralizzata e incapace di reagire di fronte alla carica delle Tigri. Che non mollano il colpo, decise a mandare segnali chiari e forti a chi, domani, dovrà contendere loro l’ambita Coppa Italia.

Ultimo quarto che si trasforma in una gloriosa cavalcata per la Amadori, mentre gli avversari sembrano già proiettati alla partita di domenica prossima, nella tana dei Tigers. Minuti in campo anche per Filippo Rossi in un quarto che di fatto è servito per arrivare alla sirena e nulla più. Cesena dunque accede alla finalissima della Coppa Italia, che dovrà disputare contro la vincente dell’altra semifinale tra Firenze e Omegna. Se sarà una rivincita su Firenze dopo i playoff di anno scorso, o la partita del cuore per Di Lorenzo, contro quella Omegna che il coach cesenate portò proprio alla vittoria del trofeo, ancora non si sa. Appuntamento al Palasavelli di Porto San Giorgio domenica 3 marzo alle ore 15:45.

Amadori Tigers Cesena – Raggisolaris Rekico Faenza 75-50
Parziali:(15-13; 12-12; 19-15; 20-10)

Amadori Tigers Cesena: Ferraro 5, Dagnello 8, Trapani 4, Rossi, Battisti 9, Papa 2, De Fabritiis 16, Raschi 8, Poggi, Sacchettini 11, Brkic 12. All.: Di Lorenzo. Ass.: Villani.

Raggisolari Rekico Faenza: Fumagalli, 8, Costanzelli, Silimbani, Casagrande 7, Venucci 2, Zampa 10, Petrucci 12, Oambianco NE, Chiappelli 5, Sgobba 6, Petrini NE. All.: Friso. Ass.: Agresti e Belosi.

 

Ufficio Stampa Tigers Cesena

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here