Leggi tutti i contenuti

Giornata senza grandi sorprese, ma con tante partite combattute, nei due gironi della Serie A2 femminile, vediamo cosa è accaduto sui parquet di questo interessante torneo

GIRONE A

Continua, in questo raggruppamento, la marcia inarrestabile della capolista Autosped Derthona, agevolmente corsara sul parquet del Basket Roma, in una partita caratterizzata dai ben 21 assist delle piemontesi. Si tratta della dodicesima vittoria consecutiva per la compagine di Cutugno, che a Roma indirizza il confronto con il 22-10 del terzo periodo, portando cinque ragazze in doppia cifra, con la Attura a 15. Nelle romane 17 della Aghilarre, con 8/17 dal campo.

Alle spalle di Derthona, tiene botta la Polisportiva Galli San Giovanni Valdarno, ma quanta fatica per regolare Torino Teen Basket, in partita fino ad un minuto dalla fine. A decidere il confronto ed a regalare due punti alle toscane dopo la sconfitta nel derby, la fiammata nel finale della Streri, brava a rompere l’equilibrio durato per quasi tutto il match. Nella Polisportiva Galli 22 della Rossini, con 3/6 nelle triple, in casa Torino 18 della Coli. Determinante, nel successo valdarnese, la netta – 48-38 – superiorità a rimbalzo.

Alle spalle delle prime due, vince anche la Limonta Costa Masnaga, vittoriosa nel confronto contro la Cestistica Spezzina. Gran protagonista nel quarto successo di fila delle lombarde è stata Vittoria Allievi, classe 2003, con 16 punti, ed il gustoso contorno di 9 assist e 7 rimbalzi. In una partita nella quale le liguri si sono comunque fatte onore, determinanti le 24 palle perse, forse la principale causa della quarta sconfitta esterna di fila, nonostante i 21 della Favre.

Con questa vittoria, Costa Masnaga raddoppia, da due a quattro punti, il vantaggio sulla quarta posizione, adesso occupata a braccetto dalla Logiman Broni e dalla San Giorgio MantovAgrocoltura. In questo turno era in programma lo scontro diretto, vinto in trasferta delle virgiliane, che confermano di avere i bioritmi al top. Quella di Broni è infatti la nona perla nella collana di vittorie consecutive. Nella Logiman non bastano i 15 della Coser, con 5/10 nelle triple, di fronte ai 14 della Dell’Olio ed agli 11 della Orazzo. Determinante, anche qua, la netta supremazia di Mantova sotto le plance.

Spreca, invece, l’occasione per agganciare la quarta piazza la USE Rosa Scotti Empoli, trafitta a domicilio dalla matricola Foxes Giussano; quella in terra toscana è stata la classica partita vietata ai cardiopatici, portata a casa, nella volata finale, dalla compagine guidata da Aldo Corno, nonostante la pesante assenza della Niedwiedzka. Fondamentale la grande precisione ospite nel tiro da oltre l’arco, un bel 13/23, con la Manzotti che ha infilato 7 delle 8 triple tentate. Per lei, alla fine 24, punti, 20 per la Diotti, in casa USE 18 della Merisio.

A causa di questa sconfitta, Empoli viene raggiunta a quota 20 dalla Techfind Selargius, corsara sul parquet della Dimensione Bagno Carugate, per 64-60. Un successo più difficile del previsto, complice le 27 palle perse della compagine ospite, riscattate dalla netta superiorità a rimbalzo. Le sarde tornano così al successo dopo lo stop del turno precedente, mentre Carugate si morde le mani per il pessimo 7/17 ai liberi. Tra le singole, 15 della Albinelli per Carugate, ma con 5/15 al tiro, quattro in doppia cifra per Selargius, con la Mura top scorer del match a quota 16.

In coda, squillo della Tecnoengineering Moncalieri nello scontro diretto con la Stella Azzurra Roma; la compagine di Paolo Terzolo coglie il secondo successo del campionato ed aggancia, a quota quattro, proprio le romane, potendo contare anche sul vantaggio nello scontro diretto. Il match si decide nel periodo finale, nel quale le piemontesi stampano un parziale di 23-7. Alla Stella Azzurra non bastano i 12 della Sasso, ma con 4/12 al tiro, e gli 11 della Rizzo, di fronte alla doppia doppia, da 15 punti e 16 rimbalzi, della Jakpa.

CLASSIFICA GIRONE A

GIRONE B

Dopo lo stop della settimana scorsa a Matelica, torna a ruggire la capolista ARAN Cucine Roseto, ma soffrendo le classiche sette camicie per regolare Umbertide. Le abruzzesi, senza l’infortunata Miccio, hanno avuto bisogno di un supplementare per zittire le velleità delle umbre, comunque protagoniste di una ottima partita. Padovano, coach di Roseto, ha avuto 24 punti, e 7 rimbalzi, dalla Botteghi, 18 dalla Cecili ed una bella doppia doppia, da 14 + 18, dalla Fegue. Per Umbertide 20 della Pangalos e 19 della D’Angelo.

Alle spalle di Roseto, tiene il passo la APU Delser Crich Udine; le friulane espugnano il parquet di Ancona, per 72-62, dopo una partita in perfetto equilibrio fino al termine del terzo periodo, chiuso sul 47-47. A decidere il netto 25-15 del quarto finale. Per Udine si tratta della settima vittoria consecutiva, propiziata dalle quattro ragazze in doppia cifra, con la Bacchini a 19 e la Bovenzi, che ha tirato con 6/10 dal campo, a 18. Nelle doriche, 17 della Mataloni, con 3/4 nelle triple ma anche 0/7 da due.

Oltre a Udine c’è anche un’altra squadra in prolungata serie positiva, si tratta della Ecodem Alpo Villafranca, al sesto squillo di fila. Questa settimana ad arrendersi alla superiorità della compagine di Soave è toccato a Vicenza che pure, nel derby veneto, ha venduto cara la pelle. A prendere per mano le padrone di casa la super prestazione della Nori, autore di ben 28 punti, con 10/14 al tiro. Nelle beriche, torna in doppia cifra la Assentato a quota 16; bene anche la Bevolo, 14 uscendo dalla panchina.

Alle spalle delle prime tre, a contendersi il quarto posto c’è il terzetto composto da Futurosa Trieste iVision, Martina Treviso e Halley Thunder Matelica, tutte uscite dalla giornata con il sorriso sulle labbra. La Martina Treviso ha regolato, nel derby trevigiano, la Posaclima Ponzano, per 64-61, al termine di un match nel quale Treviso ha segnato solo con il quintetto, mentre la panchina ospite ha realizzato la bellezza di 29 punti. Top scorer dell’incontro la D’Angelo con 19 punti, mentre, per Ponzano, la Mosetti ne mette 17.

Torna al successo Trieste, brava a sfruttare il vantaggio di giocare davanti al pubblico amico, dove ha vinto sette delle nove partite giocate, stavolta contro l’Alperia Bolzano. In terra giuliana si è vista una partita equilibrata, decisa soltanto nel periodo finale. Al termine, il tabellone recita 69-61 per le ragazze di Andrea Mura, che ha 17 punti dalla Ostojic e 12 dalla Carini; per Bolzano, 19 della Schwienbacher e 12 della Kotnis.

Più agevole, come da previsione, la vittoria di Matelica, nella lunga trasferta in Veneto, sul parquet della Wave Thermal Abano Terme, unica squadra ancora senza successi di tutto il campionato. Le ragazze di Sorgentone sono sempre avanti e danno la spallata decisiva nel terzo periodo, chiuso con un parziale di 26-5. Nelle ospiti, 18 della Cabrini, con 7/15 al tiro, e doppia doppia della Gramaccioni, con 17 punti ed 11 rimbalzi. In casa Abano 15 della Bremaud.

Nelle zone basse, rispetta il pronostico la Solmec Rhodigium, nella gara casalinga contro la penultima in classifica, la Pallacanestro Vigarano; la compagine di Pegoraro prende subito in mano il confronto, deciso di fatto già alla fine del terzo periodo, con Rovigo avanti di 20, margine limato dalle ospiti nel quarto finale. A Vigarano non servono i 23 della Siciliano, ma con 8/28 al tiro, resi vani da 20 della Masic, con 5/8 nelle triple, e dai 12 della Zanetti.

Photocredits: Gianni Nucci (Use Basket)

Articolo precedenteSerie A2 maschile, termina la regular season. Si alza il sipario sulla fase a “orologio”
Articolo successivoPallacanestro in Carrozzina, parte la corsa verso il tricolore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here