Inizia domani a Pesaro la tanto attesa Final Eight di Coppa Italia che vedrà sfidarsi le squadre classificatesi ai primi otto posti dopo la fine del girone di andata. Andiamo a vedere quali saranno le sfide dei quarti di finale che si disputeranno tra giovedì e venerdì.

Alle 18:00 si comincia con Armani Exchange Milano-Vanoli Cremona, una sfida che si ripete appena quattro giorni dopo quella vista al Forum e che ha visto prevalere in volata la formazione di coach Ettore Messina che ha però negli ultimi anni una tradizione molto negativa con questa competizione con le due clamorose e meritate sconfitte nei quarti delle passate due edizioni. Quest’anno Milano arriva all’appuntamento con un rendimento molto discontinuo anche all’interno dei singoli match e non parte quindi come netta favorita della competizione, d’altra parte Cremona, detentrice del trofeo, ha avuto in stagione tanti problemi fisici e proverà, con il suo leader Ethan Happ ed il solito espertissimo Travis Diener, a vendere cara la pelle nel tentativo di compiere un’impresa quale sarebbe il bissare il successo del 2019. La prima gara dunque si preannuncia molto interessante e la parità nei confronti diretti stagionali tra le due squadre è indice di un risultato tutt’altro che scontato anche se l’Armani è ovviamente favorita.

Alle 20:45 di domani si giocherà quella che a mio parere è la sfida più interessante e bella dei quarti di finale con la capolista in campionato Virtus Segafredo Bologna che se la vedrà con l’Umana Reyer Venezia, campione d’Italia. Bologna viene da ben sette successi consecutivi in campionato e guarda nettamente tutti dall’alto verso il basso ma i due ultimi ko in Europa hanno dimostrato la non infallibilità della squadra allenata da Sasha Djordjevic che ha ovviamente in Milos Teodosic il giocatore simbolo. Venezia sembra essere in ripresa in una stagione fatta per adesso di più ombre che luci e cercherà, con l’aiuto del suo leader Austin Daye, di ribaltare il pronostico e lo 0-2 nelle sfide dirette disputate quest’anno.

Ad inaugurare alle ore 18:00 il venerdì cestistico di Pesaro saranno il Banco di Sardegna Dinamo Sassari e l’Happy Casa Brindisi. I sardi di coach Gianmarco Pozzecco sono reduci da due sconfitte a fil di sirena in campionato in due partite che sembrano aver denotato un po’ di stanchezza fisica. Occorrerà il miglior Dyshawn Pierre, visto tante volte quest’anno, per avere la meglio su una Brindisi che affida le proprie speranze senza ombra di dubbio ad Adrian Banks, miglior realizzatore della serie A con 21,2 punti di media e capace di aggiungerci 5,6 assist in media a partita, un vero e proprio leader ma basterà ai pugliesi per fare lo sgambetto a Sassari?

L’ultimo quarto di finale che si disputerà venerdì alle 20:45 è quello che vedrà opposte la Germani Basket Brescia Leonessa e la Pompea Fortitudo Bologna. I lombardi, dopo un ottimo girone di andata in campionato, sembrano in un periodo piuttosto naturale di flessione fisica con una sola vittoria nelle ultime cinque gare disputate in generale e puntano sulla forza del collettivo per prevalere su una Fortitudo che ha ottenuto l’accesso alla competizione solo all’ultima giornata con la vittoria nello scontro diretto con Reggio Emilia e che ha mostrato, fermo restando che si tratta di una neopromossa, un rendimento altalenante con prestigiosi successi e pesanti sconfitte. Difficile stabilire in questo caso chi parta favorita anche se Brescia può approfittare della maggiore esperienza del proprio roster per far suo un match che si preannuncia molto equilibrato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here