Tiro Libero, un film sull’incontro tra basket e disabilità

366
0

Il film Tiro Libero è la storia di un ragazzo di 25 anni, Dario (Simone Riccioni) che, grazie al suo incredibile talento per il basket, ovunque vada è circondato da uno stuolo di fan e ammiratori starnazzanti e fastidiosi. Un ragazzo arrogante che cambierà la sua visione della vita.

Tiro Libero: trama del film

Dario, dal carattere arrogante e spocchioso, oltre che campione di basket, è anche campione di maleducazione e insulti di cui fa sfoggio in qualsiasi occasione, anche nei momenti meno opportuni. Ma un giorno tutto cambia e, nel momento in cui gli viene diagnosticata la distrofia muscolare proprio nel bel mezzo del campionato, la sua lingua pungente lo condanna a svolgere un’attività socialmente utile in un centro di riabilitazione per disabili. Questa giovane squadra in carrozzina, da grande scocciatura, diventa per questo ragazzo un modello senza paragoni di tenacia e forza che lo aiuteranno ad affrontare i tanti ostacoli che lo attendono.

Tiro Libero: una storia sull’incontro tra basket e disabilità

Tiro Libero è un film sul mondo dello sport e dei giovani che si richiama ad una storia realmente accaduta ad un amico di Simone Riccioni, produttore e attore protagonista di questo film, al quale è stata diagnosticata la sclerosi multipla. Una storia dai risvolti sorprendenti in cui è stato inserito da Riccioni il tema dello sport, in particolare il basket di cui è, da sempre, una delle sue grandi passioni. Una storia che parla dell’incontro tra disabilità e sport la cui vita di coloro che vivono questa condizione, nonostante le grandi difficoltà causate da una malattia invalidante, viene piegata ma non si arrende.

Un’altra componente di rilevanza è stato il territorio in cui è stato prodotto questo film, le Marche, che come dichiarato da Simone Riccioni ha dato uno straordinario supporto nella sua messa a punto. I luoghi in cui sono state girate le riprese sono state: Recanati, la suggestiva città di Giacomo Leopardi; Montegranaro; il monte Cornero. Simone Riccioni e il regista Alessandro Valori sono originari proprio di questa regione ed hanno voluto valorizzare la ricchezza culturale e paesaggistica delle Marche nella speranza che questo film possa essere un’occasione per far tornare attivo il turismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here