Leggi tutti i contenuti

Il primo turno del nuovo anno solare nonchè ultimo del girone di andata passerà alla storia come quello del record di Vassilis Spanoulis. Il greco infatti, con i 14 punti messi a segno nella sfida persa dal suo Olympiakos contro il Fenerbahce, ha superato Juan Carlos Navarro diventando il miglior marcatore nella storia dell’EuroLega. Intanto in vetta alla classifica restano Efes Istanbul e Real Madrid mentre cade il Barcellona e Milano soffre ma supera lo Zenit.

Il Focus sulle Partite

Il terzetto in testa alla classifica perde un pezzo ed ora a guardare tutti dall’alto verso il basso sono rimaste soltanto l’Efes Istanbul ed il Real Madrid che approfittano del ko del Barcellona. I turchi, dopo un primo tempo piuttosto equilibrato, allungano nel corso del terzo periodo e, con un parziale in quattro minuti di 20-3, chiudono la gara interna contro un Khimki Mosca sicuramente rivedibile in fase difensiva, battuto dai 20 punti a testa di Shane Larkin (4/7 da tre) e Tibor Pleiss (8/11 da due) che condisce il tutto aggiungendoci 10 rimbalzi.

I blancos invece passano sul parquet dell’ASVEL Villeurbanne con grande autorevolezza portandosi avanti sin dalle prime battute e non rischiando mai niente con il trio Trey Thompkins (20)-Jordan Mickey (18)-Rudy Fernandez (18 con 5/6 da tre) assoluto protagonista per la dodicesima vittoria consecutiva nella competizione per gli uomini di Pablo Laso. La sorpresa di giornata arriva invece dalla Fernando Buesa Arena di Vitoria dove i padroni di casa, reduci da tre sconfitte di fila, fermano la corsa in vetta alla classifica del Barcellona. Sin dai minuti iniziali i padroni di casa hanno condotto le operazioni giungendo anche sul +21 in apertura di secondo tempo prima della bella reazione dei blaugrana, capaci di impattare a poco meno di un minuto dalla fine. A questo punto a -38″ è arrivato il canestro che risulterà decisivo di Tornike Shengelia complice l’errore a fil di sirena dalla grande distanza di Pierre Oriola che avrebbe nuovamente ribaltato la situazione. Nelle fila dei baschi ottima prova di Pierria Henry, autore di 20 punti con 5/8 da tre mentre per il Barcellona bene il solito Nikola Mirotic (17).

In quarta posizione rimangono appaiate il Maccabi Tel Aviv ed il CSKA Mosca che perdono però entrambe e si staccano dalle prime tre. Un incerottato Maccabi si arrende a Kaunas contro lo Zalgiris. Gli israeliani sembravano per la verità avere in mano la sfida sul +15 ad inizio secondo tempo ma con un break di 24-9 i lituani sono rientrati in partita e poi nell’ultimo quarto, trascinati da un eccellente Lukas Lekavicius (23 con 4/6 da tre) ed aiutati da una buonissima precisione dalla lunetta, sono riusciti a portare a casa un successo, il secondo consecutivo, che li rianima un po’ dopo un deludente avvio di stagione. Colpo grosso del Panathinaikos che espugna il parquet del CSKA Mosca al termine di una sfida molto combattuta anche se i russi si sono trovati sul +6 a circa due minuti dalla fine ma una tripla a 6″ dalla sirena finale di un eccezionale Nick Calathes (22+17a) ha permesso ai suoi di portare la gara al supplementare, sempre comandato dai greci trascinati da un protagonista inatteso ovvero sia quel Konstantinos Mitoglou capace di mettere a segno una doppia doppia da 25 punti e 16 rimbalzi con 11/15 da due.

Arriva con grande sofferenza il nono successo stagionale per l’Armani Exchange Milano, ora in solitudine al settimo posto, ma che deve sudare fino alla fine per avere la meglio dello Zenit San Pietroburgo al termine di una gara sicuramente non spettacolare ma caratterizzata da un equilibrio che ha contraddistinto tutti e quaranta i minuti con la formazione guidata da coach Ettore Messina più lucida e concreta nelle fasi salienti trascinata da Vladimir Micov (13) e da Luis Scola (10+10r). Anno nuovo, vita nuova. E’ quello che deve aver pensato coach Zeljko Obradovic dopo il meritato, importante e sofferto successo che dà ossigeno al suo Fenerbahce sul parquet dell’Olympiakos. Dopo un disastroso finale del 2019 con quattro sconfitte di fila, i turchi mantengono quasi sempre la testa avanti gestendo in maniera perfetta anche i momenti non facili del match come sul finire di terzo periodo quando i greci erano tornati sul -4 prima di essere ricacciati in breve sul -13. Già citato il record di un immenso Vassilis Spanoulis (14), da sottolineare la strepitosa prova, per quanto concerne il Fenerbahce, di Nando De Colo che realizza 32 punti con 6/9 da due e 5/8 da tre.

Nella lotta per accaparrarsi l’ultimo posto utile per accedere ai playoff importanti affermazioni interne per la Stella Rossa Belgrado e per il Valencia. Devastante prestazione dei serbi che hanno vita facilissima contro un modesto Bayern Monaco, superato con ben trenta punti di scarto grazie alle ottime prestazioni di Kevin Punter e Lorenzo Brown, entrambi autori di 15 punti. Dopo un primo tempo di sofferenza invece il Valencia batte con grande disinvoltura l’altra squadra tedesca l’Alba Berlino con un parziale di 54-35 nella seconda metà di match e Jordan Loyd (19) top scorer.

Risultati

Stella Rossa Belgrado – Bayern Monaco 93-63
Zalgiris Kaunas – Maccabi Tel Aviv 73-68
Olympiakos – Fenerbahce 87-96
Baskonia – Barcellona 76-74
CSKA Mosca – Panathinaikos 102-106 d1ts
Efes Istanbul – Khimki Mosca 101-82
ASVEL Villeurbanne – Real Madrid 77-87
Armani Exchange Milano – Zenit San Pietroburgo 73-72
Valencia – Alba Berlino 91-77

Classifica

Efes Istanbul 14-3, Real Madrid 14-3, Barcellona 13-4, Maccabi Tel Aviv 11-6, CSKA Mosca 11-6, Panathinaikos 10-7, Armani Exchange Milano 9-8, Khimki Mosca 8-9, ASVEL Villeurbanne 8-9, Stella Rossa Belgrado 8-9, Valencia 8-9, Baskonia 7-10, Olympiakos 6-11, Fenerbahce 6-11, Bayern Monaco 6-11, Alba Berlino 5-12, Zalgiris Kaunas 5-12, Zenit San Pietroburgo 4-13.

Articolo precedenteSerie B: la Geonova Lucca ospita Montecatini al PalaTagliate
Articolo successivoSerie C Gold: per il Cus Jonico Taranto il 2020 inizia con Francavilla al Palafiom
Simone Franco, classe '79, appassionato di tutti gli sport in particolare del meraviglioso gioco della pallacanestro dalle categorie minori alla NBA. Scrivo liberamente fin da ragazzo e da qualche anno ho realizzato il mio sogno di poter condividere con gli altri le emozioni che regala una partita di basket ed ora sono entusiasta di poterlo fare anche attraverso Basketworldlife.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here