La beffarda parabola di Dylan Ennis consegna al Casademont Zaragoza la vittoria al fotofinish nell’ultimo turno di FIBA Basketball Champions League per 91-93 al PalaPentassuglia.

La Happy Casa si congeda così con l’amaro in bocca dalla competizione europea, dopo una prestazione orgogliosa e di carattere seppur già aritmeticamente fuori dai giochi di qualificazione al turno successivo.

Senza Martin e Thompson, lasciati precauzionalmente a riposo, Brindisi finisce con sei uomini in doppia cifra a referto. I 18 punti del top scorer Sutton, decisivo nella seconda parte dell’incontro, non bastano per piazzare l’allunga finale. Ad avere la meglio sono le prodezze di Seeley ed Ennis. Grande lotta sotto le plance tra Brown e Hlinason: il lungo americano sfiora la doppia doppia con 16 punti e 9 rimbalzi mentre i centimetri del centro svedese fanno la differenza con 14 punti e 9 rimbalzi conquistati.

Nel finale punto a punto, pesa la palla persa a 2 secondi dalla fine in contropiede tra Stone e Zanelli che calpesta la linea. Dopo il timeout la preghiera di Ennis viene accolta da tabellone e retina regalando il primato nel girone D al Casademont Zaragoza.

Domenica mattina lunch match di campionato in programma alle ore 12:00 in casa della VL Pesaro.

Happy Casa Brindisi – Casademont Zaragoza 91-93
Parziali:(17-15, 46-41, 64-61, 91-93)

Happy Casa: Banks 11, Brown 16, Sutton 18, Campogrande, Zanelli 14, Gaspardo 12, Ikangi 6, Stone 14, Cattapan ne, Guido ne, Martin ne, Thompson ne. All: Vitucci.

Casademont Zaragoza: Barreiro 4, Seeley 16, Brussino 12, Radovic 14, Alocen 7, Vazquez, Benzing 11, San Miguel 1, Krejci 1, Ennis 13, Hlinason 14. All: Fisac.

Arbitri: Gentian Cici (ALB) – Janusz Calik (POL) – Gatis Salins (LVA)

 

Ufficio Stampa Happy Casa Brindisi                                                                                         foto Studio Tasco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here