Domani e giovedì andranno in scena i quarti di finale di Coppa Italia che determineranno le quattro squadre qualificate alla Final Four che si disputerà al Pala E-Work di Busto Arsizio l’11 e il 12 marzo.

ELACHEM VIGEVANO 1955 – RUCKER SAN VENDEMIANO (1)

Mercoledì 25 gennaio, ore 21.00 – PalaBasletta, Vigevano (Pv)

Vigevano si trova al primo posto nel girone A con tredici vittorie e tre sconfitte, una soltanto delle quali davanti al proprio caldissimo pubblico proprio nell’ultima occasione appena dieci giorni fa contro Omegna. San Vendemiano non è nel suo miglior periodo avendo perse due delle ultime tre gare che l’hanno fatta scivolare al terzo posto nel girone B con un record di dodici vinte e quattro perse.

La bilancia pende in favore dei padroni di casa sia per i numeri appena citati, che per il momento del campionato ma la Rucker è una squadra capace di grandi imprese e se dovesse ritrovare quella intensità difensiva decisamente persa nelle ultime sfide, potrebbe certamente fare il colpaccio.

TECNOSWITCH RUVO DI PUGLIA – BLACKS FAENZA (2)

Mercoledì 25 gennaio, ore 21.00 – PalaColombo, Ruvo di Puglia (Ba)

Ruvo di Puglia si trova al primo posto nel girone D con quattordici vittorie ed appena due sconfitte, una sola delle quali in casa contro la Luiss Roma. Faenza è invece seconda nel girone C con undici successi e tre ko ma è proprio fuori casa che ha il record migliore avendo perso soltanto in una circostanza, fra l’altro molto rocambolescamente, a San Miniato dopo essere stata largamente avanti per gran parte del match.

Per tutti questi motivi ci attendiamo una sfida equilibrata nella quale il fattore campo e la voglia della compagine pugliese di raggiungere un traguardo assai prestigioso potrebbe spostare l’equilibrio anche se i Blacks hanno dimostrato di essere all’altezza anche lontani dal proprio pubblico e proveranno con tutte le loro importanti armi a sovvertire il pronostico.

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI – MAURELLI LIBERTAS LIVORNO (3)

Giovedì 26 gennaio, ore 20.30 – PalaBertocchi, Orzinuovi (Bs)

Orzinuovi si trova al primo posto nel girone B con quattordici vittorie e due sconfitte, una soltanto interna nel derby contro Lumezzane. La Libertas Livorno invece, con l’ultima partita persa a Pavia è scivolata in terza posizione nel girone A con un record di dodici vittorie e quattro sconfitte, tutte subite in trasferta anche se con scarti mai superiori ai cinque punti.

I lombardi sono i favoriti della partita vantando un roster eccellente e avendo già vinto il primo trofeo della stagione, la Supercoppa, ma i labronici non partono assolutamente battuti ed anzi avranno voglia di rivalsa e tutte le carte in regola anche tecnicamente per mettere a dura prova gli avversari nel match secondo me, senza togliere niente agli altri, più interessante da seguire di questi quarti di finale di Coppa Italia.

REAL SEBASTIANI RIETI – LUISS ROMA (4)

Giovedì 26 gennaio, ore 20.30 – PalaSojourner, Rieti

Rieti è prima nel girone C avendo perso soltanto una partita, in casa contro Fabriano. La Luiss è una piacevolissima sorpresa del girone D dove si trova al secondo posto con tredici vittorie e tre sconfitte, tutte arrivate fuori casa.

Derby laziale dunque che vede come logica favorita la compagine di casa che viene anche da otto vittorie consecutive ma gli universitari stanno esprimendo una delle migliori pallacanestro di tutta la categoria e stanno vivendo un momento magico coinciso con una striscia aperta di sette successi, gli ultimi due dei quali in trasferta contro formazioni del calibro di Ruvo di Puglia e Caserta. Dunque occhio, alla Sebastiani servirà esprimersi al meglio per guadagnarsi l’accesso alla Final Four.

Road to Final Four

Photocredits: Filippo Del Monte (Maurelli Group Libertas Livorno 1947)

Articolo precedenteEuroleague Women: al PalaRomare arriva Basket Landes per un match da testacoda
Articolo successivoGigi Datome: Letter to my younger self. Lettera a me stesso più giovane
Simone Franco, classe '79, appassionato di tutti gli sport in particolare del meraviglioso gioco della pallacanestro dalle categorie minori alla NBA. Scrivo liberamente fin da ragazzo e da qualche anno ho realizzato il mio sogno di poter condividere con gli altri le emozioni che regala una partita di basket ed ora sono entusiasta di poterlo fare anche attraverso Basketworldlife.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here