Leggi tutti i contenuti

La 19.a giornata di Eurolega

Il primo dei due turni di questa settimana ci offriva sfide spettacolari e le attese non sono state deluse con il CSKA che ha sconfitto il Real Madrid al termine di una gara dominata dalle difese ed il Maccabi Tel Aviv che ha acuito la crisi del Barcellona, al terzo ko consecutivo. Da tutto ciò trae grande giovamento l’Efes Istanbul che si sbarazza piuttosto facilmente dell’Armani Exchange Milano e rimane da solo in testa alla classifica.

Iniziamo il racconto delle gare di questa diciannovesima giornata da quella della Sinan Erdem Dome di Istanbul dove i padroni di casa dell’Efes hanno affrontato e battuto con grande disinvoltura l’Armani Exchange Milano. Sin dalle prime battute i turchi si sono portati avanti nel punteggio dimostrando una superiorità che con il passare dei minuti è divenuta sempre più evidente con il +20 finale firmato in particolare da Shane Larkin (23) e Chris Singleton (16) mentre per la formazione allenata da Ettore Messina chiuderà miglior realizzatore con 11 punti Arturas Gudaitis.

Perde il primo posto e la prima partita dopo ben tredici vittorie consecutive il Real Madrid che cade sul parquet del CSKA Mosca. Eppure le cose erano cominciate molto bene per la formazione allenata da Pablo Laso che ha avuto in mano il pallino della situazione in tutto il primo tempo guidando anche con 12 lunghezze di vantaggio ma alla ripresa del gioco dopo l’intervallo lungo è cambiato molto con i russi padroni di casa che in breve si sono portati avanti con un parziale di 14-0 e non hanno più mollato sino alla fine con il canestro decisivo a chiudere i conti firmato dalla grande distanza, ad una quarantina di secondi dal termine, da Darrun Hilliard. Per il CSKA vittoria di prestigio e terzo posto ritrovato seppur in coabitazione grazie al solito ottimo Mike James (19) mentre per i blancos a distinguersi è stato Trey Thompkins con 14 punti messi a segno.

A far compagnia al CSKA in terza posizione troviamo adesso il Maccabi Tel Aviv ed il Barcellona, protagonisti di uno scontro diretto vinto, davanti al proprio caldissimo pubblico, dagli isrealiani. La partita della Menora Mivtachim Arena è stata piuttosto equilibrata per tre quarti ed ha visto nell’ultimo periodo allungare i padroni di casa sino al +12 al 32′ e sempre avanti in doppia cifra sino al 36′ quando i blaugrana ospiti hanno cercato di riemergere affossati definitvamente però da una tripla di Scottie Wilbekin (18) che insieme a Tyler Dorsey (19 con 5/9 da tre) sono stati i due principali protagonisti del successo del Maccabi. Dall’altra parte si apre una mini crisi in casa Barcellona con il terzo ko consecutivo nonostante un Nikola Mirotic da 22 punti e 10 rimbalzi.

Consolida la propria sesta posizione il Panathinaikos che supera in casa il Bayern Monaco. Inizio di sfida travolgente per i greci che si portano addiritura sul +17 al 6′ e questo può far presagire ad una serata tranquilla ma non sarà così perchè i tedeschi, benchè in crisi e reduci da quattro sconfitte consecutive, reagiscono immediatamente e si arriva all’intervallo lungo in perfetta parità. Nel secondo tempo a partire meglio sono ancora gli ospiti i quali, trascinati da Greg Monroe (17), vanno sul +9 ma a questo punto viene fuori la maggiore esperienza e caratura tecnica del Pana che prima impatta la gara e poi con un parziale di 13-0 la indirizza stavolta definitivamente con Deshaun Thomas (18) e Nick Calathes (11+12a) in grande evidenza.

L’Armani Exchange Milano, nonostante la sconfitta di Istanbul, si trova ora da sola al settimo posto precedendo la Stella Rossa Belgrado ed il Valencia che si trovano appaiate all’ottavo. Brutta sconfitta per i serbi allenati da coach Dragan Sakota i quali, reduci da quattro affermazioni di fila, cadono davanti ai propri tifosi contro lo Zalgiris Kaunas. Gara molto equilibrata alla Stark Arena con i lituani bravissimi a non mollare anche quando in avvio di secondo tempo i padroni di casa si portano sul +7 spostando dalla loro l’inerzia della sfida. L’ultimo quarto vede gli ospiti comandare sempre nel punteggio e portarsi via un successo importante che continua a rilanciarli in ottica classifica grazie anche alla precisione dalla lunetta e ai 17 di Lukas Lekavicius. Colpaccio esterno del sempre più positivo Valencia invece che passa sul parquet del sempre più in crisi Khimki Mosca giunto al quarto ko consecutivo. Le due squadre lottano e combattono per trentasette minuti quando un parziale di 0-9 in favore degli ospiti decide l’esito del match con l’infallibile Fernando San Emeterio (18 con 2/2 da due e 4/4 da tre) protagonista mentre per i deludenti russi Alexey Shved (18) è il miglior realizzatore anche se con tantissimi errori al tiro (solo 5/18 dal campo).

Prosegue il finalmente brillante momento di forma del Fenerbahce che dà continuità ai propri risultati infilando contro l’ASVEL Villeurbanne la terza vittoria consecutiva per portarsi ora a stretto contatto con la zona playoff. Alla Ulker Sports and Event Halla non c’è stata mai partita con i turchi sin da subito concentrati e decisi a portarsi a casa il successo e già dal tredicesimo minuto il vantaggio in doppia cifra fino al costante allungo ed il +22 conclusivo firmato dalle ottime prestazioni di Nando De Colo (16) e Derrick Williams (16 con 3/3 da due e 3/4 da tre).

I restanti due match disputati riguardavano squadre facenti parte della zona medio bassa della classifica e che hanno comunque concesso importanti spunti di cronaca con il sorprendente ko interno dell’Olympiakos contro l’Alba Berlino e quello dello Zenit San Pietroburgo contro un deludente Baskonia. Ad Atene i tedeschi sembrano chiudere i conti in avvio di terzo periodo con un parziale di 2-14 che li porta sul +9 ma Nikola Milutinov (15 con 5/5 da due) e Georgios Printezis (15 con 6/8 da due) riportano in partita i padroni di casa che falliscono con Vassilis Spanoulis la tripla del sorpasso a pochi secondi dal termine concedendo la seconda vittoria stagionale in trasferta ad una Alba Berlino trascinata dalla coppia Marcus Eriksson (22 con 6/9 da tre)-Martin Hermansson (18). A San Pietroburgo invece i russi comandano sempre i giochi ma a circa tre minuti dalla sirena finale si trovano sotto di due e allora mettono a segno un break di 9-1 con Will Thomas (19 con 6/6 da due e 1/2 da tre) protagonista che consente loro di aggiudicarsi la sfida.

RISULTATI

CSKA Mosca-Real Madrid  60-55
Khimki Mosca-Valencia  75-84
Efes Istanbul-Armani Exchange Milano  88-68
Fenerbahce-ASVEL Villeurbanne  86-64
Olympiakos-Alba Berlino  86-93
Maccabi Tel Aviv-Barcellona  92-85
Zenit San Pietroburgo-Baskonia  72-66
Stella Rossa Belgrado-Zalgiris Kaunas  70-76
Panathinaikos-Bayern Monaco  98-83

CLASSIFICA

Efes Istanbul 16-3, Real Madrid 15-4, Barcellona 13-6, Maccabi Tel Aviv 13-6, CSKA Mosca 13-6, Panathinaikos 11-8, Armani Exchange Milano 10-9, Stella Rossa Belgrado 9-10, Valencia 9-10, Khimki Mosca 8-11, ASVEL Villeurbanne 8-11, Fenerbahce 8-11, Baskonia 7-12, Olympiakos 7-12, Bayern Monaco 6-13, Zalgiris Kaunas 6-13, Alba Berlino 6-13, Zenit San Pietroburgo 6-13.

Articolo precedenteA1 femminile: la Passalacqua Ragusa è campione d’inverno
Articolo successivoA2: Colpo Gevi Napoli, arriva il pivot Antonio Iannuzzi
Simone Franco, classe '79, appassionato di tutti gli sport in particolare del meraviglioso gioco della pallacanestro dalle categorie minori alla NBA. Scrivo liberamente fin da ragazzo e da qualche anno ho realizzato il mio sogno di poter condividere con gli altri le emozioni che regala una partita di basket ed ora sono entusiasta di poterlo fare anche attraverso Basketworldlife.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here