La Benedetto risorge nel derby e annichilisce i rivali di sempre: 18 anni dopo l’ultimo trionfo, Bechi e i suoi ragazzi scrivono un’altra, meravigliosa, pagina di storia del basket centese.

Il PalaSavena torna ad illuminarsi, a quasi 3 mesi dal successo con Treviso, e con lui la Baltur, che rimonta dal -13 del terzo quarto, e dilaga nel finale ribaltando la differenza canestri dell’andata (-6). Corsa, energia, voglia, intensità: c’è tutto questo nella Cento di Bechi, ieri in versione sesto uomo, a incitare, imprecare, e saltare, sul filo della linea laterale.

Una Benedetto ritrovata, dopo una settimana a dir poco tormentata, vogliosa di combattere e determinata a non mollare mai, anche dopo un inizio faticoso con le polveri inzuppate (nessun canestro segnato nei primi 5’), e con Ferrara pronta a involarsi in doppia cifra di vantaggio. La svolta della gara arriva prima in difesa, poi a rimbalzo, dove la Bondi aveva dominato la lotta nel primo tempo, trascinati da Fantoni e Ganeto, protagonisti indiscussi della scorpacciata di carambole in area biancorossa (alla fine saranno 18 i rimbalzi offensivi di Ferrara, 6 in più della Benedetto).

Registrata la sfida a rimbalzo, su entrambi i fronti, grazie anche all’eccellente contributo di Ba (8 rimbalzi di cui 6 difensivi), con il passare dei minuti è aumentata la fiducia e la qualità negli attacchi, con le bocche da fuoco Reati (Man of the match con 26 punti, 7 rimbalzi e 3 assist) e Gasparin (14 punti in 37’) a incendiare la retina ferrarese. Da lì in poi è un assolo della Baltur, trascinata dal trio Chiumenti-Mays-Fioravanti, anche loro tutti in doppia cifra. Swann, autore di un’altra prova clamorosa (38 punti in 38’), prova per ultimo ad insidiare i padroni di casa a metà dell’ultima frazione, ma senza riuscire a sfilare i due punti, già comodi, nel taschino della Benedetto. Meno 6 a Ferrara, +9 al PalaSavena: Cento mette la freccia e lo scontro diretto a favore, un regalo bello e meritato per tutto il popolo biancorosso.

La Baltur torna a respirare, uscendo momentaneamente fuori dall’imbuto playout, agganciando Bakery e Roseto a quota 12. Dopo i giusti festeggiamenti toccherà tornare coi piedi ben saldi a terra, il cammino è ancora lungo. Domenica nuovo scontro salvezza a Roseto: alla ricerca della continuità, quella che finora è tremendamente mancata alla Benedetto. Inoltre, sarà anche l’occasione per vedere all’opera il nuovo acquisto, Rihards Kuksiks.

Ufficio Stampa Benedetto XIV

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here