Cambia il giorno ma non il risultato: al PalaMaggetti, nella prima gara casalinga giocata di sabato, le Baia del Re Panthers Roseto si confermano insuperabili. 59-50 all’Esquilino, mantenendo il primo posto solitario in classifica e portandosi a +4 (con il 2-0 a favore negli scontri diretti) su una delle più temibili dirette concorrenti. L’ennesimo capolavoro offensivo e soprattutto difensivo di quella che da sorpresa è ormai diventata una grande realtà di questo campionato

Per capire che è stata una gara piuttosto atipica basterebbe limitarsi ai parziali dei primi tre quarti: 23-8, 7-23, 15-2. Roseto l’aveva cominciata benissimo, guidata dalla solita inarrestabile Servadio: 11 punti nel primo parziale e la consueta incessante energia sul parquet (sembrava fosse ovunque), che guida le Pantere a un avvio da favola con il +15 del primo mini-intervallo.

Se il primo quarto rasenta la perfezione, il secondo scrive una trama horror per le ragazze di coach Ghilardi: sette lunghi minuti senza trovare il canestro, mentre dall’altra parte Esquilino prende ritmo offensivo e produce un robustissimo 0-17 di break che la porta avanti nel punteggio tra gli applausi del numeroso gruppo di tifosi giunto dalla Capitale.

Tutto da rifare dunque per le Panthers, bravissime però a sfruttare la pausa lunga per resettare un brutto secondo periodo: a tornare in campo dagli spogliatoi è una squadra feroce, letteralmente invalicabile in difesa, che spesso impedisce a Esquilino persino di arrivare al tiro. I 2 punti delle ospiti nel parziale si commentano da soli, e a concretizzare in attacco ci pensa Irene De Vettor: la guardia veneziana si accende (8 segnati nel terzo quarto) e Roseto vola sul +12 di fine terzo quarto.

E’ l’allungo decisivo, perchè nel finale le Panthers mantengono sempre il controllo della situazione e le capitoline riprendono a segnare quando ormai i giochi sono praticamente già fatti: scegliere fra le tante imprese di quest’anno non è facile, ma la magistrale prova difensiva di ieri è stata sicuramente una delle più esaltanti.

Una personalità che Servadio (top-scorer con 21 punti) e compagne dovranno dimostrare anche domenica prossima sul campo di Roma XVI: e basta ricordare la maratona dell’andata, quando Roseto prevalse dopo tre supplementari, per inquadrare la difficoltà della sfida.

BAIA DEL RE PANTHERS ROSETO – ESQUILINO  59-50
Parziali:(23-10; 30-31; 45-33)

Roseto: Letizia Rosa, Sara Ambrosio 2, Camilla Servadio 21, Asia Pineto, Simona Di Giandomenico, Francesca Trovarelli 5, Alyssa Rospo, Francesca Lucente 7, Claudia Pallotta 4, Olimpia Ramasco, Azzurra Di Giacopo 5, Irene De Vettor 15. Coach: Franco Ghilardi.

 

Area Comunicazione Baia del Re Panthers Roseto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here