Si ferma il cammino della Sinermatic Ozzano in Supercoppa. Al Palaruggi di Imola i ragazzi di coach Loperfido escono sconfitti 90 a 72 dopo un match rimasto in equilibrio solo nelle prime due frazioni; poi dopo l’intervallo l’Andrea Costa ha scavato un solco sfruttando un vero e proprio black-out dei viaggianti.

Primo quarto fatto di parziali: parte subito Imola con un dominio nel pitturato che vale l’8-2 Andra Costa dopo appena 2 minuti. Chiappelli e Lasagni danno la carica e i Flying Balls rispondono con un sonoro 0-9 di parziale per il primo vantaggio ospite della serata (8-11). La contro risposta imolese con tarda e con Tognacci-Agostini arriva l’8-0 di break per il +5 Imola (16-11 dopo 5’30”). Una bomba di Lasagni e Felici da sotto permettono il nuovo pari a quota 16 al 7’, punteggio che resta in equilibrio fino alla prima sirena con Imola che chiude il periodo sul 20-18.

In avvio di secondo periodo Fazzi e Corcelli spingono l’Andra Costa sul +7 (25-18), poi dopo i canestri di Folli e Felici arriva il +9 firmato Trentin (12’). La Sinermatic ancora una volta non si scompone e con capitan Folli da sotto e con le triple di Lasagni e Bonfiglio al minuto 18 si torna in parità sul 36 pari. Negli ultimi due giri di lancette però, Imola piazza un importante 7-0 di parziale con il tabellone del Palaruggi che segna 43-36 all’intervallo lungo.

Dopo la pausa la partita si spacca e Imola vola già al 21esimo in doppia cifra (49-39). Corcelli e Restelli timbrano il +15, poi dopo il 58-45 segnato da Buscaroli arriva il vero e proprio black-out ozzanese: tra il minuto 25 e il minuto 35 Imola piazza un imponente 30-10 di parziale sfruttando le altissime percentuali al tiro da sotto e da fuori concesse da una difesa ozzanese completamente in bambola (addirittura 34 punti concessi nella terza frazione. Negli ultimi 5 minuti di partita, con il risultato ormai al sicuro per i padroni di casa, spazio ai giovani. Primi punti stagionali per Spagnoli da una parte e Radovanovic dall’altra, Ozzano limita nel finale i danni con i tiri da fuori di Chiappelli e Balducci ma alla sirena finale il passivo è comunque pesante: 92 a 70. Imola raggiunge Senigallia agli ottavi (Domenica si gioca nelle Marche) per la Sinermatic invece ora testa sul campionato, c’è molto da lavorare in questi ultimi 15 giorni mancanti alla primadi regular season fra le mura amiche, il derby contro Faenza in programma alle 20:30 di Sabato 1 Ottobre.

ANDREA COSTA IMOLA – SINERMATIC OZZANO 92-70
Parziali: 20-18, 43-36, 77-52

IMOLA: Restelli 5, Roli, Fazzi 10, Agostini 14, Barbieri ne, Ranuzzi 14, Corcelli 11, Magangoni ne, Spagnoli 2, Tognacci 19, Montanari 8, Trentin 9 – All. Grandi

OZZANO: Follii 6, Salsini, Radovanovic 2, Felici 5, Galletti, Balducci 5, Klyuchnyk 17, Chaippelli 7, Barattini ne, Bonfiglio 12, Buscaroli 4, Lasagni 12 – All. Loperfido; Vice Pizzi

Arbitri: Zaniboni (BO) – Ragionieri (BO)

Articolo precedentePallacanestro Forlì: Vincent “Vee” Sanford è un giocatore biancorosso
Articolo successivoSerie B: Andrea Di Nino è il nuovo direttore generale della Juvecaserta 2021

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here