Il PalaLosito è un fortino inespugnabile e, dopo Altamura e Castellaneta, anche Molfetta cade sotto i colpi della Nuova Matteotti Corato che riscatta la sconfitta subita a Bari e ottiene la terza vittoria stagionale: 83-71 il risultato finale.

Coach Patella si affida per il suo starting five a Gatta, Razic, Formica, Olocco e Paulauskas. Dall’altra parte coach Carolillo deve fare i conti con l’assenza dell’infortunato Chiriatti e schiera dal primo minuto Brown, Buccini, Kazlauskas, Vujanac e Mavric.
Al canestro realizzato in apertura di gara da Brown, Corato risponde con un parziale di 8-0 firmato da Olocco e Paulauskas che sin da subito fanno sentire la loro fisicità sotto canestro. Il primo quarto è all’insegna dell’equilibrio con Gatta e Razic che provano a incrementare il vantaggio (16-7) ma Mavric e Kazlauskas tengono Molfetta in linea di galleggiamento: 21-15 al 10’.

Il secondo quarto si apre con un break di 7-0 piazzato da Gatta e Baldin che consentono alla NMC di raggiungere la doppia cifra di vantaggio (28-15). Molfetta tenta di reagire grazie a due canestri consecutivi di Paganucci ma non riescono a contenere l’agonismo, la determinazione e la voglia di lottare su ogni pallone da parte degli uomini di coach Patella che disputano il miglior quarto di questo avvio di campionato: la clamorosa giocata offensiva confezionata dal duo Gatta – Paulauskas (“alley-oop” del capitano per la schiacciata del gigante lituano )e le incursioni di Razic e Markovic garantiscono ai padroni di casa di andare all’intervallo lungo sul 48-33.

L’approccio di inizio terzo quarto sono la fotografia migliore per inquadrare la fame di vittoria della Nuova Matteotti Corato che con Razic e Gatta in serata di grazia (saranno 26 i punti a fine gara per lui) vola sul +20 (53-33). Gli ospiti si affidano alle giocate individuali di Kazlauskas che prova a caricarsi sulle spalle la sua squadra ma non è supportato nel migliore dei modi dai suoi compagni a causa dell’ottima organizzazione difensiva messa sul parquet da Corato che stringe le maglie nel pitturato e costringe Molfetta a prendersi tiri dall’alto coefficiente di difficoltà. I Patella boys si divertono e fanno divertire il PalaLosito che rimane in visibilio per l’ennesima giocata da urlo di Paulauskas che sale in cielo e affonda la schiacciata del 65-46. Il terzo periodo si chiude con il canestro dalla media di Olocco sulla sirena che regala alla NMC il massimo vantaggio della partita: 70-49 al 30’.

Partita che sembra non avere più nulla da dire ma la Nuova Matteotti Corato abbassa il livello di attenzione e Molfetta iniziano l’ultimo quarto con un piglio diverso: i biancoblu di coach Carolillo, trascinati da Brown, Buccini e Mavric, piazzano un parziale di 12-3 e ritornano in carreggiata (73-61). I padroni di casa rispondono con un canestro di Formica ma sono la brutta copia di quella ammirata nei primi tre quarti: Molfetta ne approfitta e con un altro pesante break di 8-0 costruito da Brown, fino a quel momento contenuto da Corato, riapre definitivamente la partita arrivando addirittura a -6 (75-69). La bomba di Formica e il canestro di Paulauskas sono una liberazione per il PalaLosito che intravedeva i fantasmi del ko di domenica scorsa contro Bari (80-69). Molfetta non si arrende e ritorna sotto la doppia cifra di svantaggio ma non c’è più tempo per provare la rimonta: è la NMC a trionfare a fine partita.

Nuova Matteotti Corato – Dai Optical Virtus Molfetta  83-71

Parziali: 21-15; 48-33; 70-49; 83-71

Corato: Altieri ne, D’Imperio, Gatta 26, Olocco 10, Paulauskas 20, Razic 12, Baldin 4, Angarano ne, Markovic N. 2, Sciscioli ne, Bojang ne, Formica 9. Coach: Patella

Molfetta: O’Connell ne, Brown 24, Chiriatti ne, Buccini 4, Vujanac 2, Mavric 11, Kazlauskas 19, Minervini ne, Paganucci 9, Annese, Marcone 2. Coach: Carolillo

Arbitri: Farina Valaori e Serra di Brindisi

Articolo precedenteL’Use Computer Gross può voltare pagina. Segnali di crescita nonostante la sconfitta con Rieti
Articolo successivoItalbasket: Georgia battuta a Tbilisi 84-85. Azzurri qualificati per la FIBA World Cup 2023

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here