Si spengono le luci su l’All Star Game di Charlotte. A Chicago l’edizione 2020

141
0

E’ sceso giù il sipario della 68a edizione dell’All Star Game 2019 della NBA.

Allo Spectrum Center di Charlotte nella notte italiana, l’atto finale della parata delle stelle NBA dei due team contrapposti guidati dai capitani LeBron James e Giannis Antetokoumpo non ha deluso le attese. Nel giorno del 56° compleanno del padrone di casa Michael Jordan, la vittoria è andata alla squadra guidata da LeBron James, grazie all’apporto di uno straordinario Kevin Durant (31 punti e titolo MVP dell’incontro), ben coadiuvato dal compagno di squadra nei Golden State Warriors Klay Thompson (20 punti). Dall’altra parte non è bastata una prestazione superlativa di Giannis Antetokoumpo (38 punti) e di Paul George e Khris Middleton (20 punti per entrambi).

TEAM LEBRON – TEAM GIANNIS   178-164

TEAM LEBRON: Leonard 19, James 19, Durant 31, Harden 12, Irving 13, Lillard 18, Thompson 20, Beal 11, Aldridge 2, Davis 5, Wade 7, Towns 11, Simmons 10

TEAM GIANNIS: George 20, Antetokounmpo 38, Embiid 10, Curry 17, Walker 4, Lowry 3, Jokic 6, Middleton 20, Westbrook 17, Griffin 10, Russell 6, Vucevic 4, Nowitzki 9

La tre giorni a stelle e strisce si è aperta con la partita delle celebrità, culminata poi dal con Rising Stars Challenge la sfida tra rookie e sophomore, divisi in Team USA da una parte e Team World dall’altra. La vittoria è andata a Team USA che si è imposto 161-144 su Team World grazie ad una grande prestazione del gialloviola Kyle Kuzma (35 punti) premiato poi come MVP della partita.

Nella notte dell’ All-Star Satuday: Jayson Tatum vince lo Skills Challenge,

Joe Harris batte Steph Curry nella gara del tiro da tre

mentre Hamidou Diallo è il re delle schiacciate.

Appuntamento nel 2020 per la 69a edizione dell’All Star Game che si terrà a Chicago (Illinois)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here