Durante il Consiglio Federale della FIP, tenutosi in videoconferenza, Il Presidente della FIP Giovanni Petrucci ha rilasciato la seguente dichiarazione circa le ultime decisioni del Board centrale FIBA inerenti al conflitto Russia-Ucraina:

Il basket internazionale – ha detto – spicca per una presa di posizione che farà storia, ovvero quella di attendere il mese di maggio per adottare ulteriori provvedimenti contro la Russia. Sono veramente deluso e non pensavo si arrivasse a tanto. Non è bastato che la quasi totalità delle Federazioni internazionali escludessero la Russia dalle competizioni e che il TAS confermasse le disposizioni prese in materia dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio. Non è bastata nemmeno la raccomandazione del CIO, che evidentemente è stata scambiata per una “paternale”.

C’è una guerra in atto, cosa altro deve accadere? Hanno poi valutato, in FIBA, che nella seconda fase delle qualificazioni al Mondiale 2023 potrebbero esserci due partite tra Russia e Ucraina? Non vedo cosa potrebbe cambiare da qui a maggio. È chiaro che gli atleti non hanno alcuna responsabilità in merito. In conseguenza alle decisioni degli altri Paesi europei e a ciò che ha dichiarato il Presidente del CONI Giovanni Malagò la FIP ha deciso, dopo aver informato il Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali, che la Nazionale non giocherà la quinta gara della prima fase di qualificazione al Mondiale 2023 contro la Russia in programma il 1° luglio 2022. Analoga decisione è stata presa dalle Federazioni di Paesi Bassi e Islanda, entrambi facenti parte dello stesso girone degli Azzurri”.

Ufficio Stampa Fip                                                                                                    Photocredits: Savino Paolella

Articolo precedenteC Gold Toscana: Sfida salvezza al Capitini. Agliana ospita Montevarchi
Articolo successivoA2: Gianluca Tibs è un nuovo giocatore della Ristopro Fabriano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here