Missione compiuta! Battendo la Romania a Istanbul 81-66, la Nazionale Femminile si è qualificata per l’EuroBasket Women 2021, che si giocherà in Francia e Spagna dal 17 al 27 giugno (fase finale a Valencia). Per l’Italia è la quinta qualificazione di fila alla massima rassegna continentale.

Le Azzurre hanno ottenuto il quinto successo consecutivo dei Qualifiers dopo il ko accusato all’esordio nel novembre del 2019 contro la Repubblica Ceca, che battendo nel pomeriggio la Danimarca (84-63) si è assicurata il primo posto nel girone D. La squadra di Lino Lardo accede invece all’EuroBasket Women come la migliore tra le seconde classificate dei nove gironi.

Le squadre qualificate per l’EuroBasket Women 2021, oltre a Francia e Spagna Paesi ospitanti, sono Italia, Serbia, Svezia, Bosnia, Russia, Croazia, Slovenia, Repubblica Ceca, Turchia, Slovacchia, Bielorussia, Grecia e Belgio.

Contro la Romania la miglior marcatrice è stata Francesca Pan con 17 punti, in doppia cifra anche Nicole Romeo (15), Cecilia Zandalasini (12), Debora Carangelo (11) e Martina Bestagno (10).

Così coach Lino Lardo: “Questa è una squadra. Una vera squadra. Sono orgoglioso di allenare queste ragazze e di lavorare con questo gruppo. Lo staff lavora 24 ore su 24 e c’è sintonia perfetta. Sentivamo molto questa gara e ci aspettavamo una Romania aggressiva. Oggi non solo cuore e non solo difesa, che è stata la chiave nel terzo quarto ma anche qualità. Ringrazio chi mi ha voluto in questa meravigliosa avventura, a cominciare dal Presidente Petrucci. Questa qualificazione ce la siamo guadagnata tutti, anche nella finestra in cui non c’ero. Grandissima soddisfazione per tutti, è un giorno bellissimo”.

Francesca Pan ha spezzato la partita nel terzo quarto: “Partita difficile. Loro non avevano nulla da perdere e noi invece dovevano conquistare la qualificazione. All’inizio ci hanno messo in difficoltà ma siamo state brave a continuare a credere nelle nostre cose e così l’abbiamo portata a casa”.

Sincera l’emozione di Debora Carangelo. “Ci aspettavamo questa aggressività. Dopo la gara di Riga, che aveva perso nettamente, la Romania voleva riscattarsi. Un po’ di tensione all’inizio, vero, ma poi ci siamo sciolte. Questa è una delle sensazioni più belle della mia vita, è difficile da spiegare. Ora, con la testa giusta, ci andiamo a divertire all’Europeo”.

Come con la Danimarca, coach Lardo ha schierato in quintetto Carangelo, Pan, Zandalasini, Cinili e Bestagno. Le Azzurre sono partite col freno a mano tirato, evidente la tensione per una partita così importante per noi e senza grande significato per le nostre avversarie. La Romania ha provato subito a scappare (4-0), dopo tre minuti complicati è stata la tripla di Carangelo a sbloccarci: la partita è rimasta sempre molto equilibrata, le due squadre si sono inseguite e sorpassate un’infinità di volte. Sul 10-14 Bestagno e Attura hanno firmato il 5-0 che ci ha riportato avanti, troppi però i rimbalzi offensivi concessi a Walker e Pavel e così la Romania è rimasta a contatto per tutto il primo tempo.

Le triple di De Pretto, Carangelo, Zandalasini e Pan ci hanno permesso di andare all’intervallo lungo sul +5 (40-35), nella prima metà del terzo periodo l’Italia ha provato a scappare e la tripla di Pan ci ha portato sul 48-39, immediata è arrivata la replica della Romania con due canestri a fil di sirena e il gioco da tre punti di Walker (48-45). La fiammata di Pan ci ha fatto respirare, i liberi di Carangelo ci hanno rassicurato (55-47 al 28’) e quelli di Romeo ci hanno consegnato il primo vantaggio in doppia cifra (57-47).

Nel momento peggiore la Romania si è affidata a Marginean, suoi i punti che hanno impedito all’Italia di scappare a fine terzo quarto: i recuperi di Penna e Carangelo hanno però spinto le Azzurre sul +16 (67-52) a 8 minuti dalla sirena. Da quel momento la squadra di Lino Lardo è riuscita a mantenere il vantaggio in doppia cifra e ha potuto festeggiare la qualificazione al suono della sirena.

Il punto esclamativo l’ha messo Nicole Romeo col gioco da 4 punti a 2 minuti dalla fine (79-61).

Italia-Romania 81-66
(15-14, 25-21, 23-16, 18-15)
Italia: Keys 1, Romeo 15 (2/4, 2/6), Bestagno* 10 (2/5, 0/1), Carangelo* 11 (1/1, 2/8), Zandalasini* 12 (3/6, 1/4), Pan* 17 (0/3, 5/9), De Pretto 3 (1/2 da tre), Crippa ne, Madera ne, Cinili* 2 (0/3, 0/1), Attura 3 (1/1), Penna 7 (0/2, 1/2). All: Lardo

Romania: Ghizila* 12 (2/7, 2/5), Popescu 2 (1/1), Filip (0/1, 0/1), Pavel* 5 (2/6), Armanu (0/1 da tre), Sipos* 2 (1/1, 0/1), Ghita, Orban 8 (3/3, 0/1), Walker* 14 (3/14, 0/1), Podar 3 (1/4 da tre), Lenart 4 (2/4), Marginean* 16 (4/4, 1/3). All: Avci

Arbitri: Gvidas Gedvilas (Lituania), Esperanza Mendoza Holgado (Spagna), Jelena Tomic (Croazia)

Danimarca-Repubblica Ceca 63-84
(19-15, 13-28, 17-19, 14-22)
Danimarca: Hesseldal* 11 (4/11), Emsbo (0/2), Tryggedsson I. 5 (1/2, 0/1), Wich 1, Seilund* 10 (5/6), Jespersen* 10 (3/8, 0/4), Ryder* 9 (1/2, 2/6), Hee* (0/1), Ziegler 3 (1/1 da tre), Pedersen 2 (1/2, 0/1), Tryggedsson S. 12 (4/8 da tre), Rimdal (0/2, 0/1). All: Krone
Rep. Ceca: Brezinova 9 (3/5, 1/1), Krejzova (0/1 da tre), Hejdova 3 (0/1, 1/3), Hanusova 6 (2/5, 0/3), Vorackova* 13 (5/6, 1/2), Bartakova* 11 (1/4, 1/5), Elhotova* 8 (1/2, 1/3), Vyoralova 4 (2/2, 0/2), Mircova (0/1 da tre), Stoupalova* (0/1, 0/2), Reisingerova* 15 (7/10), Zaplatova 15 (3/4, 1/2). All: Svitek

Arbitri: Jelena Tomic (Croazia), Mehmet Karabilecen (Turchia), Ivana Ivanovic (Serbia)

Le partite del 4 febbraio
Italia-Danimarca 101-55 (26-13, 23-11, 23-19, 29-12)
Italia: Keys 14 (4/5, 2/2), Romeo 9 (0/1, 3/5), Bestagno* 18 (8/9, 0/1), Carangelo* 3 (0/1, 1/2), Zandalasini* 17 (4/6, 2/4), Pan* 11 (4/4, 1/3), De Pretto 5 (2/4, 0/1), Crippa (0/1 da tre), Madera 4 (1/1, 0/1), Cinili* 2 (1/3, 0/1), Attura 5 (0/5, 1/2), Penna 13 (4/10, 1/2). All: Lardo
Danimarca: Hesseldal* 2 (1/5), Emsbo 3 (1/1), Tryggedsson I. 2 (1/3, 0/1), Wich 2 (1/2), Seilund* 2 (1/1, 0/1), Jespersen* 17 (4/13, 1/2), Ryder* 17 (2/2, 3/6), Hee* 2 (1/2), Pedersen 2 (1/2, 0/1), Tryggedsson S. 6 (0/2, 2/6), Mikkelsen, Rimdal (0/2, 0/2). All: Krone

Arbitri: Mehmet Karabilecen (Turchia), Jelena Tomic (Croazia), Gvidas Gedvilas (Lituania)

Romania-Repubblica Ceca 52-100 (8-32, 17-26, 16-18, 11-24)
Romania: Ghizila* 8 (1/7, 2/5), Popescu (0/1), Filip (0/1, 0/1), Pavel* 2 (0/1), Armanu, Sipos 9 (1/3, 2/3), Ghita (0/2), Orban (0/3), Walker* 10 (2/5, 1/6), Podar* 5 (0/5, 1/5), Lenart 4, Marginean* 14 (4/12, 1/4). All: Avci
Rep. Ceca: Brezinova 8 (3/5, 0/3), Hejdova 8 (1/2, 2/5), Hanusova 15 (2/2, 3/5), Vorackova* 12 (3/4, 2/4), Bartakova* 6 (2/3, 0/1), Adamcova 3 (1/3 da tre), Elhotova* 11 (1/2, 3/5), Vyoralova 2 (1/1, 0/1), Stoupalova* 10 (5/6, 0/1), Sipova (0/1), Matuskova (0/2 da tre), Reisingerova* 25 (8/11). All: Svitek

Arbitri: Geert Jacobs (Belgio), Esperanza Mendoza Holgado (Spagna), Sinisa Prpa (Serbia)

EuroBasket Women 2021 Qualifiers

Girone D
La prima finestra
15 novembre 2019
ITALIA-Repubblica Ceca 52-62
Romania-Danimarca 70-55

17 novembre 2019
Danimarca-ITALIA 72-82
Repubblica Ceca-Romania 60-59

La seconda finestra (Riga, Lettonia)
13 novembre 2020
Repubblica Ceca-Danimarca 84-64
Romania-ITALIA 68-90

15 novembre 2020
Danimarca-Romania 91-74
Repubblica Ceca-ITALIA 63-69

La terza finestra (Istanbul, Turchia)
4 febbraio 2021
ITALIA-Danimarca 101-55
Romania-Repubblica Ceca 52-100

6 febbraio 2021
ITALIA-Romania 81-66
Danimarca-Repubblica Ceca 63-84

Classifica Girone D*
Repubblica Ceca 9 (5/1)
ITALIA 9 (5/1)
Danimarca 6 (1/4)
Romania 6 (1/4)
*FIBA assegna 2 punti per la vittoria e un punto per la sconfitta

La Formula
Le 33 squadre sono state divise in 9 Gironi, sei da quattro squadre e tre da tre. Accedono all’Europeo 14 Nazionali: le prime di ogni Gruppo e le cinque migliori seconde. Per il calcolo delle migliori seconde verranno esclusi i risultati ottenuti nel girone contro le squadre quarte classificate. La fase finale dell’EuroBasket Women 2021 (17-27 giugno) si giocherà a Valencia (Spagna), la Francia ospiterà due gironi della prima fase a Strasburgo. L’Europeo sarà organizzato in maniera congiunta da Francia e Spagna.

Ufficio Stampa Fip                                                                                                     Photocredits: Italbasket/FIBA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here