Andiamo a vedere come sono andate le cose nella quarta giornata di EuroLega.

Prosegue la sorprendente marcia in testa alla classifica a punteggio pieno dello Zalgiris Kaunas che completa il poker di vittorie superando l’Anadolu Efes Istanbul (Bryant Dunston 20 con 8/9 da due) al termine di una partita sempre condotta e spesso con la doppia cifra di vantaggio dalla formazione lituana la quale, trascinata da Nigel Hayes (17 con 6/8 dal campo), si impone con grande autorità chiudendo sul +16 dopo essere stata avanti anche di 22 nel corso dell’ultimo periodo.

Al Mediolanum Forum, in una delle sfide più attese della giornata è andata in scena la “vendetta” di Sergio Rodriguez, il grande ex della sfida tra Armani Exchange Milano e Real Madrid che ha portato al successo la formazione allenata da coach Ettore Messina mettendo a referto 25 punti con 7/11 dal campo e aggiungendovi ben 7 assist. La partita in realtà era cominciata malissimo per i padroni di casa, sotto di 11 nel primo quarto e di 14 nel secondo ma nelle restanti due frazioni, grazie anche ad una ottima difesa che concede appena 28 punti in 20 minuti agli avversari, ribaltano le sorti della sfida cogliendo la terza vittoria stagionale ed acuendo la crisi dei blancos, fermi ad un solo successo.

Si è decisa proprio sulla sirena un’altra delle sfide più intriganti di questo turno ovvero sia quella che vedeva di fronte l’Olympiakos (Hassan Martin 16+8r con 8/9 da due) ed il Maccabi Playtika Tel Aviv. Primi due quarti equilibrati, nel terzo tentativo di allungo dei greci fino al +10 ma gli israeliani di Scottie Wilbekin (18) restano agganciati e cedono proprio allo scadere puniti da un incredibile tripla di Aaron Harrison (12).

Due italiani sono stati fra i grandissimi protagonisti della giornata conducendo le loro rispettive squadre al successo. Iniziamo da Achille Polonara il quale, con una doppia doppia da 20 punti e 10 rimbalzi, porta alla vittoria il TD Systems Baskonia Vitoria Gasteiz che deve faticare però più del previsto prima di avere la meglio soltanto nell’ultimo quarto di un mai domo Khimki Mosca (Vyacheslav Zaytsev 17) penalizzato dallle pesanti assenze causa covid e ancora una volta con soli otto uomini iscritti a referto.

Strepitosa la prestazione anche di Simone Fontecchio (20 con 9/16 dal campo) nel clamoroso successo esterno della sua Alba Berlino la quale, grazie ad un parziale di 3-16 fra il 28′ ed il 33′ allunga e mette le mani sulla sfida sul parquet del CSKA Mosca che deve arrendersi nonostante il solito show della coppia Mike James (27)-Will Clyburn (25), ancora però poco supportati dal resto della squadra.

Ottimo spettacolo a Barcellona per la gara tra i padroni di casa ed il Panathinaikos (Marcus Foster 24) che si è decisa soltanto dopo un tempo supplementare. Iniziano meglio i greci che volano anche sul +11 e, dopo una fase di grande equilibrio, tornano in doppia cifra di vantaggio anche nel corso del terzo periodo ma Cory Higgins (24) e Brandon Davies (20 con 7/8 da due) guidano la rimonta dei blaugrana che gestiscono benissimo l’overtime restando sempre avanti nel punteggio e portano a casa un successo prezioso quanto meritato.

Incredibile harakiri del Fenerbahce Beko Istanbul di un eccellente Jan Vesely (25+8r con 12/14 da due) che si porta addirittura sul +22 già nel primo quarto e mantiene questo vantaggio anche nel secondo ma poi, al rientro in campo dopo l’intervallo lungo, arriva la splendida reazione del Bayern Monaco di coach Andrea Trinchieri che, con un parziale di 26-50 propiziato da Vladimir Lucic (18) e Jalen Reynolds (17+8r), ribalta sorprendentemente la gara andando ad ottenere la seconda vittoria della settimana nonchè terza consecutiva.

Un discorso a parte lo meritano le ultime due partite di questo turno che in realtà non si sono disputate ma che hanno avuto un esito paradossalmente diverso. Il match fra l’ASVEL Villeurbanne e la Stella Rossa Belgrado infatti è stato rinviato per i casi di positività al covid all’interno della formazione francese mentre la gara tra il Valencia e lo Zenit San Pietroburgo è già stata archiviata con un 20-0 a tavolino in favore degli spagnoli vista l’impossibilità da parte del team russo di poter iscrivere a referto un numero sufficiente di giocatori sempre a causa del virus.

Da questo punto di vista sembra che l’EuroLega stia percorrendo la strada di non assegnare più sconfitte senza giocare alle squadre decimate dalla pandemia ma bensì di rinviare le sfide e sembra che questa sarà la linea da adesso in poi con buona pace dello Zenit che, dopo i due successi iniziali sul campo, ha rimediato due sconfitte senza poter fare niente.

RISULTATI
Zalgiris Kaunas-Anadolu Efes Istanbul 89-73
ASVEL Villeurbanne-Stella Rossa Belgrado (Rinviata)
Barcellona-Panathinaikos 97-89 d1ts
CSKA Mosca-Alba Berlino 88-93
Fenerbahce Beko Istanbul-Bayern Monaco 71-75
Olympiakos-Maccabi Playtika Tel Aviv 85-82
Armani Exchange Milano-Real Madrid 78-70
TD Systems Baskonia Vitoria Gasteiza-Khimki Mosca 77-60
Valencia-Zenit San Pietroburgo 20-0 (a tavolino)

CLASSIFICA
Zalgiris Kaunas 4-0, TD Systems Baskonia Vitoria Gasteiz 3-1, Valencia 3-1, Bayern Monaco 3-1, Olympiakos 3-1, Armani Exchange Milano 3-1, Barcellona 3-1, Fenerbahce Beko Istanbul 2-2, CSKA Mosca 2-2, Zenit San Pietroburgo 2-2, Stella Rossa Belgrado 1-2, Panathinaikos 1-2, Maccabi Playtika Tel Aviv 1-3, Anadolu Efes Istanbul 1-3, Real Madrid 1-3, Alba Berlino 1-3, ASVEL Villeurbanne 0-2, Khimki Mosca 0-4.

Credit Euroleague

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here