Imola ottiene il primo (fondamentale) successo contro Ferrara, portandosi sull’1-0 nella serie della Finale Playoff di serie C Gold.

Imola vince, convince e domina il match in un’atmosfera incredibile, con il PalaRuggi che accoglie oltre un migliaio di tifosi. Che fanno festa per 40’ minuti, spingendo i gialloneri verso una vittoria meritata e mai messa in discussione. Un’Armata Giallonera da incorniciare per l’apporto, il tifo, il calore e la forza emotiva che sprigiona per 40 e oltre minuti. E’ il sesto, il settimo e l’ottavo uomo in campo, sempre. Ed è tutto un grande spettacolo. In campo e fuori.

La Virtus eleva a protagonista il gruppo nel suo insieme, in una giornata in cui Seskus e Diminic sono più “umani” rispetto alle prestazioni stagionali ed in cui ogni giallonero sceso in campo mette il proprio mattoncino nella vittoria finale. In una gara da 15 triple (contro le 8 degli estensi) strappano applausi e cori Magagnoli con 4 centri dall’arco, Nucci e Galassi con 3 canestri pesanti, seguiti da Bravi (2) ed il trio Ranocchi-Diminic-Seskus (una tripla a testa).

Ferrara resta impietrita di fronte all’impatto devastante dei gialloneri sul match, resistendo in linea di contatto solo nei primi 8’ (8-8, 11-11 e 19-14). Le 5 triple nel primo quarto aiutano i virtussini a prendere il largo, fino al 27-17 del primo intervallo breve. Dal rientro in campo, Imola è totalmente in possesso delle redini di gioco e del punteggio: coach Regazzi ruota gli effettivi a disposizione ed ottiene ottime risposte da tutti i protagonisti che scappano (in maniera decisiva) sul +19 (41-22) al 4’30”, poi sul +23 (49-26) a 2’ dall’intervallo lungo. Alla pausa, tra l’altro, 8 gialloneri hanno già sporcato il proprio referto, con Galassi (11) a guidare la truppa, seguito da Magagnoli (10), Nucci (9), Diminic (7), Seskus (6), Aglio (4) e Bravi-Ranocchi (2).

Alla pausa il vantaggio è da stropicciarsi gli occhi: 51-29 dopo 20’ rifilato ad una corazzata come Ferrara è l’ennesimo capolavoro della Virtus 2021/2022. Ma c’è da concludere il lavoro, in un secondo tempo che qualche insidia la può sempre offrire. Perchè contro giocatori esperti come Agusto, Cortesi e Seravalli, la partita non è mai vinta fino alla sirena finale.

Eppure, nonostante il tentativo di rimonta degli ospiti, la Intech spicca il volo dapprima mantenendo il vantaggio attorno alle 20 lunghezze, quindi rifilando agli avversari un prezioso +26 sul 63-37 al 7’, grazie alla tripla di Magagnoli, il cesto di Diminic ed alla tripla di Elia Bravi, che poi replica un minuto dopo (66-40).

Partita chiusa? Non esattamente, perchè, con un colpo di coda di puro orgoglio, Ferrara cerca il disperato rientro, raggiungendo il -17 (77-60 al 7’), quindi il -14 (77-63) a 2’ e spiccioli dalla sirena. Qualche piccolo brivido non può, in ogni caso, cancellare l’ottima prestazione di squadra e di gruppo (tifosi compresi). Infatti il finale si tinge totalmente di giallonero, con la Virtus che chiude sul maestoso +21 con un 84-63 che pare un ottimo viatico verso gara2.

Gara2 che si disputerà giovedì 9 giugno, alle ore 21, al PalaVigarano di Vigarano Mainarda (Fe).

INTECH VIRTUS IMOLA – FERRARA 84-63
Parziali: 27-17, 51-29, 70-46

Imola: Nucci 9, Galassi 13, Castelli ne, Aglio 6, Bravi 8, Magagnoli 16, Ranocchi 7, Diminic 15, Biavati, Seskus 10, Savino. All: Regazzi
Ferrara: Agusto 18, Tognon 2, Verrigni 5, Costanzelli 4, Cattani, Cortesi 12, Ciaroni, Egidi, Marzo ne, Seravalli 18, Fabbri 4, Bianchi ne. All: Furlani

Arbitri: Femminella e Barigazzi

Area Comunicazione Intech Virtus Imola

Articolo precedenteMagnolia Campobasso: Robyn Parks ancora una stagione con i #fioridacciaio
Articolo successivoA2, Finali Playoff: La tripla allo scadere di Karvel Anderson gela il PalaCarnera. Serie 1-1

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here