Sfuma in finale la vittoria del Torneo di basket 3×3 Italia FIP organizzato sabato scorso in Piazza della Vittoria a Reggio Emilia da Master Group Sport, advisor della Federazione Italiana Pallacanestro.

Giorgio Di Bonaventura, capitano della selezione abruzzese (completata da composta da Giovanni Allodi, Marco Montanari e Salvatore Forte), protagonista di una striscia di 5
vittorie consecutive, ha visto così interrompersi la cavalcata solo all’ultimo atto della manifestazione (21-13) contro i più fisici avversari della rappresentativa friulana.

L’esperienza è stata comunque positiva per il talentuoso giocatore della Teramo a Spicchi: “Nonostante la sconfitta – commenta Di Bonaventura – è andata bene. Fino alla finale siamo stati molto positivi, poi la fisicità degli avversari e la stanchezza patita dopo 5 partite di grande intensità non ci hanno permesso di alzare il trofeo. Sono comunque contento, anche perché dopo tutti questi mesi di stop c’è un grande bisogno di giocare e trovare contesti competitivi per riprendere una forma soddisfacente nel minor tempo
possibile”.

Dibo torna quindi a Teramo con ulteriori punti nel suo ranking personale e con una nuova esperienza in tasca, che sarà utile per mettere benzina nel serbatoio dell’entusiasmo, in vista della ripresa degli allenamenti con la TaSp: “In queste settimane stiamo lavorando bene sia con il prof Domenico Faragalli che con lo staff tecnico di coach Simone Stirpe – prosegue l’ala biancorossa – per preparare al meglio la stagione. Iniziamo la quinta
settimana di allenamenti e il gruppo si sta amalgamando sempre di più. C’è una buona sintonia fra noi giocatori e stiamo pian piano ritrovando la giusta forma fisica, inserendo gradualmente movimenti e schemi. I giocatori più esperti stanno aiutando i più giovani ad ambientarsi e viceversa. Vedo intensità e determinazione negli allenamenti e questo elemento è fondamentale per preparare al meglio la stagione”.

Area Comunicazione Teramo a Spicchi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here