Dopo soli tre giorni dal match perso contro Fiorenzuola la Pallacanestro Crema è di nuovo in campo, ancora sul parquet amico del PalaCremonesi.

Avversaria di turno la forte Vigevano, attualmente al quarto posto della graduatoria, impossibilitata a superare Bernareggio che la precede a causa dello svantaggio nello scontro diretto ma che deve difendere la posizione dall’assalto dei nostri, che in teoria con quattro punti sopravanzerebbero i pavesi.

L’impresa, già in partenza difficile, è resa estremamente ostica dalle assenze in casa rosanero, conseguenze dello sciagurato obbligo a disputare la trasferta di Varese a dispetto delle insufficienti garanzie sul piano sanitario.

Il viceallenatore cremasco Pedroni ci presenta gli avversari: “Vigevano è squadra forte, lunga e ben allenata, oltre che  molto atletica. Corrono ed in attacco hanno giochi semplici ma efficaci, in difesa sono tra le squadre migliori.”

Coach Piazza utilizza spesso lo “small ball”, con quintetti molto aggressivi e atipici, spesso privi di una vera ala forte e caratterizzati dalla presenza di quattro esterni. In difesa a volte pressano a tutto campo con raddoppi sul portatore di palla e poco uso della zona.

L’ipotetico quintetto iniziale è composto dal centro Giorgi, con grande presenza nel pitturato e bravo a portare punti e rimbalzi, contornato da quattro esterni pericolosissimi in attacco come il tiratore Mazzucchelli, il veloce Passerini, pericolo dall’arco, l’ex canturino Tassone ed il capitano Rossi.

Ad aumentare il già notevole tasso tecnico della squadra è arrivato l’ex Cesena Borsato, altro micidiale tiratore da tre con passato nella massima serie. Una gara quindi che coach Eliantonio avrebbe volentieri affrontato a ranghi completi, nella quale Crema dovrà dare il massimo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here