La trasferta di Cividale ha lasciato il rammarico per la sconfitta, ma anche la convinzione che il Guerriero Padova può giocarsela contro chiunque. Ora però conta più che mai fare risultato per rendere credibile la graduatoria. Giovedì 14 gennaio, ore 19.30, l’UBP è attesa nuovamente in Friuli, questa volta nella tana della Falconstar Monfalcone per il recupero della seconda giornata d’andata rinviata nel mese scorso a causa del Covid.

L’AVVERSARIA. La compagine bisiaca sta attraversando un momento difficile: dopo le dimissioni di coach Gigi Tomasi (artefice della promozione in Serie B nella stagione 2018/2019), il nuovo tecnico Matteo Praticò non è riuscito a interrompere la serie negativa che perdura da inizio campionato. La Pontoni Monfalcone si ritrova ancora ferma al palo con cinque sconfitte in altrettante partite. Tutti ko, però, giunti al termine di match combattuti ed equilibrati come gli ultimi due disputati contro Rucker San Vendemiano (80-77) e Virtus Padova (69-62). A mettersi più in luce tra le file della Falconstar è stata la batteria di esterni capeggiata da Giulio Casagrande, Marco Murabito e dal giovane e talentuoso Matteo Schina, le “punte” di un roster che comprende diversi elementi capaci di andare a segno, i classici giocatori di striscia.

QUI UNIONE. L’UBP si presenta all’appuntamento con la giusta carica, sapendo anche di dover fronteggiare un’avversaria obbligata a vincere. Il campo della Polifunzionale di Monfalcone è sempre stato ostico, ma non impossibile per Padova che in passato aveva già vinto una volta dopo ben due overtime e aveva sfiorato il colpaccio in un’altra occasione. Nel complesso, lo storico dei precedenti parla di confronti spesso all’insegna di un sottile equilibrio che potrebbe rappresentare ancora una volta la costante. «Per noi è una partita molto più che importante», chiosa Ferdinando Mozzo, diesse del Guerriero, «Ma lo stesso si può dire per Monfalcone che nonostante la classifica è una squadra forte. Vincere una gara del genere ci permetterebbe di muovere un doppio passo in avanti e sarebbe fondamentale a livello di morale. Anche perché subito dopo ci aspettano altri due scontri ravvicinati contro Senigallia e Virtus che sulla carta sembrano essere proibitivi».

Ufficio Stampa Unione Basket Padova                                                                        Photo Credits: Eleonora Pavan

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here