Una conferenza stampa chiara ed emozionata quella in cui la presidentessa Fabiola Cilia ha analizzato i mesi passati e svelato i piani futuri della Pallacanestro Palestrina.

Un flashback partito ricordando la sospensione dei campionati nel momento magico della squadra qualificata in Coppa Italia e prima incontrastata. Poi un passaggio ai motivi che hanno spinto ad onorare il pagamento dell’ultima rata per non mettere fine a una storia che parte dal 1962, con il beneplacito del “papà” della pallacanestro prenestina Giggi Stellani. Ed ecco l’analisi sulla situazione economica dettata dalle difficoltà delle società del turismo e del trasporto che in questo decennio hanno accompagnato i nostri colori, tra le aziende più in difficoltà nel panorama nazionale.

Queste le parole di Fabiola: “Abbiamo rispettato i momenti di difficoltà altrui andando avanti con le nostre forze, a testa alta.

Non abbiamo voluto cedere il titolo perché avrebbe rappresentato fare soldi e speculare sul basket, che resta un patrimonio della città e dei tifosi. Questo passo indietro comporta che rinunceremo al diritto di Serie B auto-retrocedendoci in C Gold laziale.

In un periodo di cassa integrazione, la cosa più giusta da fare era questa dal punto di vista etico e morale, certi che quello che ci contraddistingue è la passione e non la categoria. Il basket ci ha fatto sognare ma anche regalato momenti di delusione e la cosa più semplice da fare era mollare, ma non era il caso crediamo ai sacrifici e che questi possano essere il nuovo trampolino di lancio.

Proprio dal settore giovanile ripartiamo, cercando di dare la massima professionalità e formare ragazzi. Questo è uno dei momenti più duri in ambito sportivo, andare avanti e dimostrare che siamo persone in grado di garantire il diritto allo sport e al divertimento ci rende onore e andremo avanti per dimostrare per l’ennesima volta che Palestrina c’è a dispetto anche di chi starà godendo di questo passo indietro. Ringrazio tutte le persone che hanno lavorato in questi anni perché difficilmente sarà dimenticato il bello che è stato creato, continuo a credere a tutto quello che è stato fatto e che non sia stato vano.

Inizierà una nuova fase non meno importante, la storia di Palestrina è sempre stata quella di tornare più forte di prima. Le nostre riflessioni e il silenzio sono terminati, sappiamo di avere molto da fare per la città e per le persone che ci aiutano. Mi dissero che non apprezzo il movimento, Io amo questo movimento, ma vorrei vederlo stravolto, continuo a vedere errori anche di miei colleghi, credo nella nostra storia e alla fine ci darà ragione.

Ancora grazie a Giggi Stellani, a questa famiglia, a chi ha lottato, a chi ci ha sostenuto, l’ultimo pensiero è per tutti voi che ci avete seguito e affollato il PalaIaia vi chiedo di continuare a crederci, applaudire, urlare, per quelle persone che quest’anno ancor di più crederanno in qualcosa di grande e si metteranno a disposizione di una società che dal 1962 non ha mai smesso di esistere. Ne avremo bisogno per la nostra storia che ha ancora tantissimo da darci.”

Area Comunicazione Pallacanestro Palestrina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here