Occasione ghiotta fallita da Urania che lotta punto a punto con Verona ma deve cedere nel finale. Partita senza un padrone con Raivio che risponde ad un Candussi incontenibile, Milano sembra avere preso l’inerzia a cavallo tra terzo e quarto periodo con Langston in grande evidenza. Nella frazione decisiva sono di Greene le giocate che regalano il successo ai veneti.

LA GARA
Partenza lampo di Verona che spara subito il primo parziale con Jones e Candussi protagonisti, 2-8. Reazione Wildcats con Montano che inizia le sue incursioni, splendido il connubio con Langston che produce la parità a quota 10. Scalda la mano anche Raivio che sigilla il sorpasso milanese con 5 punti filati, il secondo fallo prematuro di Benevelli cambia lo scacchiere di coach Villa. Tomassini fa male alla difesa dei padroni casa, Milano perde un paio di palloni banali, è vantaggio Tezenis alla prima sirena, 17-18.

Fatica a ritrovare ritmo in attacco Urania che però regge nella metà difensiva, la grinta di Raspino e Piunti è sempre un fattore, sorpasso timbrato dal lungo marchigiano, 21-20. Gli ospiti cercano con insistenza Candussi che è in gran serata, Milano replica con Langston e Raivio, 37-40 all’intervallo.

Dopo la pausa lunga tenta lo strappo la Tezenis con Candussi che colpisce anche dall’arco, 40-47. Servono orgoglio ed intensità, tutte credenziali presenti sul biglietto da visita di Tommaso Raspino, l’ala piemontese innesca il mini parziale Wildcats sigillato da Langston, 51-52. Gara di grande intensità con Montano che graffia dall’arco, Langston cala un tris da fuoriclasse: un ricamo, un contropiede ed una schiacciata per il più 4, 58-54. I Wildcats sprecano un paio di possessi fondamentali per allungare, Tomassini e Jones tengono a contatto gli uomini di coach Diana, 65-64. Difende duro Verona che trova ancora le zampate del veterano ex Roseto, Milano ci prova ancora con l’estro e l’improvvisazione di Montano, 71-70. E’ Greene l’x factor in casa scaligera, 5 punti consecutivi che colpiscono al cuore Urania, 71-75 con 30 secondi da giocare. Langston fa un solo libero ma sul rimbalzo d’attacco i Wildcats buttano l’ultimo possesso, 72-75 il finale.

Urania Milano – Tezenis Verona 72-75
(17-18, 20-22, 23-16, 12-19)

Urania Milano: Wayne Langston 23 (11/14, 0/1), Nik Raivio 18 (4/8, 3/3), Matteo Montano 12 (3/4, 2/4), Tommaso Raspino 7 (2/3, 1/2), Andrea Benevelli 5 (1/3, 1/1), Giorgio Piunti 4 (2/4, 0/1), Stefano Bossi 3 (0/4, 1/5), Daniele Pesenato, Matteo Franco, Simone Valsecchi, Matteo Cavallero, Vittorio Lazzari

Tezenis Verona: Francesco Candussi 20 (7/12, 2/3), Phil Greene iv 19 (5/10, 3/5), Giovanni Tomassini 13 (5/10, 1/1), Bobby ray Jones 10 (2/5, 2/6), Giovanni Severini 7 (2/2, 0/3), Giga Janelidze 4 (2/3, 0/0), Andrea Colussa 2 (1/2, 0/1), Davide Guglielmi, Lorenzo Caroti, Tommaso Tondini, Giorgio Calvi, Leonardo Beghini

Ufficio Stampa Urania Basket Milano                                                                          Photo Credits: Savino Paolella

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here